Blocks: ecco lo smartwatch modulare

Blocks: ecco lo smartwatch modulare

Il sitema modulare nel mondo dei dispositivi mobile, viste le premesse davvero interessanti di Google Project Ara, si diffonderà e sarà sicuramente molto apprezzato per la sua flessibilità nella configurazione. Lo smartphone composto da moduli è partito, come abbiamo potuto vedere all’ultimo Google I/O e il colosso americano, ne siamo certi, porterà sicuramente a termine questo progetto così da poter vedere nel 2015 Projet Ara tra le nostre mani.

Ma se a questo punto spostassimo la nostra attenzione sul mondo dei dispositivi indossabili e dovessimo ripensare i tanto chiaccherati smartwatch con un sistema modulare? Non sarebbe una brutta idea neanche in questo caso vista la potenzialità che offre Ara. Pensando proprio a questo sistema a blocchi un gruppo di sviluppatori ha creato Blocks. Gli smartwatch e i braccialetti per il fitness sono una categoria tecnologia che crescerà a breve, sia in termini di interesse dei consumatori che in termini di sviluppo del prodotto, e il team di Block partendo proprio da questa potenzialità non vede alcun motivo per cui la tecnologia da polso non possa essere modulare.

Il dispositivo, realizzato in platica tramite stampa 3D, è un prototipo molto grezzo a cui manca sicuramente la parte estetica e un lavoro di miniaturizzazione dei componenti per essere indossato comodamente. Ci sono molte potenzialità in questo dispositivo, pensate solo alla batteria che può essere sostituita facilmente oppure sfruttando i vari moduli dare al dispositivo una seconda fonte di energia. Sarà poi semplice aggiungere grazie ai tanti moduli un giroscopio, un accelerometro, un cardiofrequenzimetro, un sensore per la misurazione dell’ossigeno nel sangue. Allo stesso modo, potremmo collegare modulit per le attività all’aria aperta come un modulo GPS un altimetro, un termometro e un barometro. Infine potremmo inserire doduli per una SIM-card, per la connessione RFID, chip NFC, una fotocamera e un microfono. Insomma come succederà presto per Project Ara anche Blocks avrà a disposizione una flessibilità enorme.

Uno dei principali punti da risolvere per Blocks è il software, il team sta attualmente sperimentando Wear Android ma la versione definita, adatta al dispositivo, è ancora molto lontana dall’essere completata. ma utilizzare il sistema operativo di Google da sicuramente dei vantaggi come per esempio esser ecompatibile su diverse forme dello schermo. Blocks sarà sicuramente da raffinare, ma spera di essere pronto e di attivare una campagna di crowdfunding questo autunno, con una possibile commercializzazione l’anno seguente. La versione base di questo dispositivo con tutte le funzionalità dovrebbe aggirarsi intorno ai 200-250 dollari e un livello premium con moduli aggiuntivi costerebbe 300-350 dollari, considerate che queste sono solo stime di costo e molto probabilmente non corrisponderano.

Tuttavia, va considerata anche la possibilità che i creatori di Blocks abbiano pensato troppo in grande partendo con un progetto troppo grosso per loro. Le tecnologie presenti all’interno di questo dispositivo sono davvero tante e l’impresa è davvero ambiziosa, non resta quindi che aspettare e vedere se questo nuovo smartwatch modulare vincerà la sua sfida e vedrà la luce nei prossimi anni.

Fonte | engadget

Google+ Comments