2016: tempi duri per l’elettronica di consumo

2016: tempi duri per l’elettronica di consumo

Uno dei più grandi eventi sull’elettronica di consumo, il CES 2016, si è appena concluso. Accenture, una multinazionale americana che si occupa di consulenza, ha voluto effettuare un sondaggio internazionale per capire i pensieri e le inteznioni future degli utilizzatori di dispositivi elettronici. I risultati ottenuti pubblicati da Statista, sito che si occupa di analisi statistiche, sono abbbastanza preoccupanti, il decennio di innovazione e di forte crescita è a questo punto finito? La corsa alle nuove tecnologie sembra destinata a fermarsi.

Secondo i risultati dell’analisi fatta da Accenture, i consumatori sono molto meno intenzionati ad acquistare una nuovo dispositivo tecnologico rispetto all’anno scorso. I mercati a causa di questa contiuna crescita sono saturi e di conseguenza, vista una minore richiesta anche l’innovazione si è rallentata. Gli smartphone presenti oggi sul mercato, sono indubbiamente meglio rispetto a quelli commercializzati due anni fa, ma non non hanno comunque caratteristiche tali da convincere il consumatore medio ad acquistarlo.

Il 48 per cento non ha infatti intenzione di acquistare un nuovo smartphone nel corso del 2016 anzi, ha dichiarato di essere felice e soddisfatto del dispositivo attuale, non c’è insomma la necessità di sostituirlo.Il mercato sta rallentado, l’innovazione sta rallentando, forse è arrivato il momento che nuove tipologie di dispositivi guadagnino posizioni sugli attuali? Smartwatch, braccialetti fitness e altri dispositivi simili stanno guadagnando terrendo vista il loro differente utilizzo, ma meno del 15 per cento degli intervistati da Accenture acquisterà nel 2016 uno di questi dispositivi considerati più appetibili rispetto al classico smartphone.

Il progresso continuo purtroppo non esiste, prima o poi tutto si ferma e mettendo magari in crisi realtà che hanno puntato tutto su questo mercato. La crisi di questi anni dopotutto lo testimonia non si può continuare a sviluppare e produrre e pensare che tutti comprino il nuovo prodotto in una specie di sistema perfetto dove tutto viene sistematicamente sostituito. l’elettronica di consumo e quindi smartphone, tablet, laptpop e televisioni doveva rallentare prima o poi era prevedibile! I grandi colossi hanno spostato l’attenzione su altri dispositvi, a questo punto non resta che aspettare e capire se hanno fatto la scelta giusta.

 

Infographic: Tough Times Ahead for the Tech Industry? | Statista
You will find more statistics at Statista

Google+ Comments