Technology

Wi-fi gratis in Italia: l’ennesimo tentativo?

Wi-fi gratis in Italia: l’ennesimo tentativo?

Alcuni parlamentari italiani hanno recentemente presentato una proposta per la connessione Wi-Fi gratuita in migliaia di luoghi pubblici con l’obbiettivo per colmare un divario con gli altri paesi europei dove la rete a banda larga è molto utilizzata. Attualmente in italia per poter accedere ad una rete internet all’interno di commerciali, taxi, aeroporti, tribunali e altri luoghi pubblici l’utente, causa legge Pisanu di qualche anno fa, deve inserire una password effettuando un vero e proprio login. Questo modo di connettersti sta bloccando l’utilizzo di questo tipo di rete e non sta favorendo l’utilizzo su larga scala della connessione Wi-fi.

Siamo davvero messi male quando parliamo di connesioni a Internet – spiega Sergio Boccadutri, membro del Partito Democratico che ha lanciato la proposta La connessione Wi-Fi avrebbe un grande impatto culturale e potrebbe aiutare l’economia a recuperare terreno, a partire da settori quali il turismo. La proposta, presentata questa settimana, ha il sostegno di più di 100 membri del parlamento e dovrebbe destinare il 5 milioni di euro, in tre anni, come contributo per l’acquisto delle attrezzature.

L’obbiettivo è quello di portare il disegno di legge all’esame del Parlamento entro la metà del 2015. Secondo un rapporto realizzato dal Politecnico di Milano, i prezzi elevati e la mancanza di infrastrutture di accesso sono i principali ostacoli alle famiglie che utilizzano e che vogliono utilizzare internet. I dati dello studio mostrato che la disponibilità di connessione dei servizi a banda larga con una velocità superiore a 30 megabit al secondo in Italia è inferiore a 1%, ben al di sotto della media europea che è parli al 6%.

Davanti a questi dati e a questi valori davvero bassi sulla diffusione della connessione wi-fi è forse arrivato il momento di fare qualcosa per risolvere questo problema? Certo questa proposta non risolverà i problemi più importanti del nostro paese come la disoccupazione ma sarà sicuramente uno slancio importante verso una tecnologia che in tutto il mondo si sta diffondendo e aiutando varie categorie nel proprio lavoro quotidiano. Speriamo solo che tutto questo diventi realtà, non l’ennesima proposta che si perderà tra le tante fatte in passato.

Fonte | reuters

Charlie: conosci in anticipo chi devi incontrare

Charlie: conosci in anticipo chi devi incontrare

Ti è mai capitato di avere memorizzato un appuntamento in Google Calendar e dove devi incontrare un nuovo cliente, un nuovo fornitore e non avere nessuna notizia su lui? Dovendo magari impostare un discorso, una strategia senza avere niente su cui basarti avendo davanti a te un perfetto sconosciuto? A tutto questo potrebbe correre in tuo aiuto un interessante servizio on-line creato da una  società di Chicago. Stiamo parlando di Charlie, un servizio davvero molto interessante che vi permetterà di ottenere delle infomazioni sulla persona che starete per incontrare prima del vostro appuntamento.

Chialie non fa altro che spulciare tra i dati social condivisi in rete analizzando LinkedIn, Twitter, Facebook, Google News e altri 100.000 fonti per trovare argomenti di conversazione, e di capire ciò che quella persona ha veramente a cuore. Ma come è possibile tutto questo? Semplicemente collegando il vostro Google Calendar. Chiarlie, interessante dirlo, è completamente gratuito, almeno per ora. Oltre a consentire delle analisi automatiche in funzione degli appuntamenti presenti in agenda, è possibile richiedere manualmente un report basato su nome e l’indirizzo email di una persona.

charlie_briefing

Lanciato oggi, Charlie ha inoltre dichiarato di aver chiuso un un accordo economico del valore di 1,75 milioni dollari, soldi che saranno utilizzati per migliorare l’algoritmo e integrare più fonti di dati. Per testare provare Charlie è sufficiente collegarsi a questo link.

Fonte | thenextweb

 

TestFlight: ecco la nuova versione Apple

TestFlight: ecco la nuova versione Apple

L’applicazione TestFlight è un importante aiuto per gli sviluppatori, perchè gli permette di aggiungere rapidamente e facilmente nuovi tester ad un’applicazione da controllare e collaudare prima di essere caricata sull’App Store. Il servizio è molto utile tanto da convincere Apple ad acquisirla e assumere il suo creatore Burstly, facendola diventare la propria applicazione test per i suoi sviluppatori iOS.

Apple, ha annunciato ieri che TestFlight è disponibile a tutti gli sviluppatori iOS. Grazie alla nuova versione creatta da Cupertino, potrano aggiungere fino a 1.000 utenti, molti di più rispetto alla precedente versione che limitava l’utilizzo a solo 25 utenti. L’applicazione è ora integrata con iTunes Connect dove una volta impostati i gli utenti abilitati gli interessanti potranno scaricare TesftFlight da App Store.

Fonte | thenextweb

 

Spotify Family: musica per tutta la famiglia

Spotify Family: musica per tutta la famiglia

Spotify ha annunciato un nuovo profilo progettato per le famiglie, concretizzando una delle maggiori richieste fatte dagli utenti. Attualmente con un normale profilo non è possibile ascoltare contemporaneamenente della musica, si è obbligati ad attivare un altro profilo per evitare questo problema. Spotify per eliminare questo problema ha creato quello che potremmo chiamare pacchetto famiglia, mettendo a disposizione infatti dei prezzi più convenienti rispetto all’acquisto di un abbonamento completo, con le stesse caratteristiche di una account premium.

Spotify metterà quindi a disposione questi nuovi profili multi utente che negli Stati Uniti costeranno 14,99 dollari per due utenti, 19,99 per tre utenti, 24,99 per quattro utenti e 29,99 per cinque utenti. Spotify Family non è ancora disponibile, verrà lanciato in tutto il mondo nelle prossime settimane. Spotify Famil non è una novità assoluta, vale anche la pena notare che Rdio offre già un piano famiglia simile per un massimo di 5 persone, Spotify ha finalmente deciso di attivare la funzione anche per i suoi profili.

Fonte | thenextweb

iPad Air 2: gli utenti passeranno al nuovo modello?

iPad Air 2: gli utenti passeranno al nuovo modello?

Apple ha presentato durante l’evento di ieri i nuovi iPad Air 2 e iPad Mini 3, dove possiamo notare una riduzione dello spessore e un aumento della velocità nel modello pri grande e nessuna novità rilevante nel modello più piccolo. Entrambe le tavolette però, sono ora sono dotate della funzione Touch ID, che consente, oltre allo sblocco del tablet con impronta digitale di effettuare i pagamenti online tramite Apple Pay.

I nuovi iPad dovranno presto affrontare una battaglia in salita però, sulla base dei dati pubblicati da Localytics per BI Intelligence rilevati nel mese di settembre, il 48% dei proprietari del tablet Apple possiede ancora vecchi modelli che hanno ormai due anni, per essere precisi le prime tre generazioni.

Tutto questo non è però una sorpresa dobbiamo dirlo, la tendenza dei proprietari di un iPad tende infatti ad aggiornare il proprio tablet più come si cambia un computer portatile (ogni 3-4 anni), che come si cambia uno smartphone (ogni 1-2 anni). A causa delle pochissime novità presentate quest’anno, fatta eccezione per il Touch ID, Apple potrebbe avere davanti a se un momento difficile nelle vendite e trovare difficolta nel convincere i proprietari di iPad attuali ad effettuare il passaggio ad un nuovo modello.

Ecco i dati rilevati da Localytics dove possiamo vedere che modelli di iPad sono ancora tra le mani degli utenti Apple:

ipad_ statistica

Fonte | businessinsider

Tip and Tricks: 10 trucchi per iOS 8

Tip and Tricks: 10 trucchi per iOS 8

Chi di voi non ha mai imparato alcuni nuovi trucchi, soprattutto se utili per ottenere di più dal vostro iPhone? N4GM ha messo insieme un’interessante lista di consigli e trucchi i famosi Tip & Tricks per i nuovi utilizzatori di iOS 8. Tra i diversi suggerimenti nell’elenco possiamo trovare come utilizzare la formattazione RTF nei tuoi appunti per renderli più espressivi, come effettuare selfies con timer per assicurarsi di essere pronti per ottenere lo scatto migliore, come aggiungere tutte le vostre informazioni di emergenza al dispositivo, come aggiungere foto, GIF e video per le note.

Di tutti i suggerimenti presenti nell’elenco, le informazioni mediche sono forse le più preziose, Apple consente infatti di aggiungere le vostre informazioni sulla salute preesistenti, come le vostre allergie ai medicinali e il tipo di sangue, così da poter essere utilizzate in una situazione di emergenza dai medici senza dover per forza sbloccare il telefono.

Ecco l’elenco completo realizzato N4GM che vale la pena guardare nel caso in cui vi sia sfuggito qualcosa:

1.Aggiungere foto, gif e video alle note – Il nuovo iOS 8 permette agli utenti di incollare foto, video e gif negli appunti, basta semplicemente toccare lo schermo e selezionare Inserisci foto oppure, se avete già copiato l’immagine, incollare direttamente l’immagine nella nota.

2.Formattazione dele note – Per la prima volta con iOS 8 è possibile utilizzare la formattazione nelle note, sarà inoltre più facile impostare la parola chiave all’interno della nota.

3.Realizzare un selfie con timer – Nellapplicazione fotocamera, sarà possibile una volta passati alla modalità fotocamera (modalità selfie), toccare l’icona timer in alto e impostare  un ritardo di 3 o 10 secondi.

4.Nascondere una foto – Se non si desidera che si visualizziuna foto in alcune posizioni ma solo all’interno di un album, basta semplicemente, tenendo premuto il dito sulla foto scegliere di nasconderla. Se in futuro si vorrà visualizzare di nuovo la foto basterà effettuare l’operazione al contrario.

5.Aggiungere i dati sanitari di emergenza – Utilizzando la nuova app sulla salute Health, sarà possibile creare il proprio ID medico contenente tutti i dati dell’utente come per esempio le allergie e altre importanti informazioni mediche come il gruppo sanguigno. I dati verranno poi visualizzati sulla schermata di blocco nel momento in cui si effettuerà una chiamata di emergenzaQuesto funzione potrebbe essere davvero importate in caso di emergenza!

6.Localizzare il telefono quando la batteria è scarica – Un’altra nuova caratteristica davvero interessante nel nuovo iOS 8 è legato al rischio di perdere il telefono che diventa ancora più spaventoso se la batteria si esaurisce. Grazie a questa nuova funzione sarà possibile trovarlo anche con la batteria scarica entrando in Impostazioni > iCloud > Trova il mio iPhone e selezionare Invia ultima posizione. Se si perderà il telefono o iPad, basterà semplicemente collegarsi su iCloud.com e visualizzare l’ultima posizione nota del dispositivo sulla mappa. Interessante vero?

7.Contapassi – Una funzione cool se vogliamo, iOS 8 installato su iPhone sarà in grado di dirvi quanti passi farete in un giorno, in una settimana, vislualizzando inoltre delle medie mensili e annuali. In funzione di questo sarà quindi possibile stabilire e impostare un programma così da calcoare una routine di passi da fare.

8.Realizzare un video time-lapse – Altra funzione interessante in iOS 8 è la possibilità di realizzare un video in time lapse, dove sarà poi possibile impostare la frequenza di visualizzazione delle immagini

9.Hands-Free Siri – Questo tipo di funzione permetterà, modificando su Impostazioni > Generali > Siri e attivare su Consenti . Ehi Siridi non premere nessun pulsante per accedere a Siri. Basterà semplicemente dire “Hey Siri” per richiamare l’assistente vocale. Nota: questo funziona solo quando il telefono è collegato ad una presa di corrente.

10. Inviare messaggi audio – Tenendo premuto l’icona del microfono a destra del campo di testo sarà possible avviare la registrazione, fatto questo basterà semplicemente selezionare la freccia verso l’alto per inviare l’audio o la X per annullare.

Fonte | bgr

Bill Gates: una nuova macchina per diagnosticare le malattie

Bill Gates: una nuova macchina per diagnosticare le malattie

La Bill & Melinda Gates Foundation che festeggia i suoi 10 anni, grazie al suo progetto Grand Challenges in Global Health, ha sempre sostenuto e finanziato, grazie a delle borse di studio, le migliori idee sviluppate per risolvere i vari problemi di salute che affliggono il mondo. Attraverso la sua fondazione, Gates ha investito in aree che altri avrebbero evitato, come ad esempio nuovi tipi di servizi igienici, batterie che funzionano grazie all’urina umana, preservativi che offrono una migliore protezione contro le malattie a trasmissione sessuale.

Giovedì, la fondazione ha lanciato una nuova sfida, creare un nuovo dispositivo che esegue rapidamente la diagnosi per l’HIV, la tubercolosi, la malaria e altre malattie analizzando campioni di sangue, saliva, un apparecchio che possa essere utilizzato ovunque senza limiti. Tutto questo sembra qualcosa di molto futuristico e quasi impossibile da realizzare, ma sono già pronti 10 milioni di dollari per il vincitore che vincerà questa sfida, che verranno assegnati nel 2016.

Bill Gates ha condiviso una foto di quello che potrebbe essere il dispositivo su cui gli scienziati lavoreranno, che a prima vista assomiglia molto ad una stampante 3D ma che presenta nella parte bassa una zona dove inserire i campioni da analizzare e nella parte alta un display dove poter visualizzare la diagnosi.

stratos-protype

Sono cinque le squadre che lavorano sulla sfida – spiega Bill Gates – e questo dispositivo nella foto è stato realizzato da una società che opera nel settore della salute la Stratos con sede a Seattle. Oggi sappiamo – continua Bill – che è tecnicamente possibile costruire un dispositivo di questo tipo e che ci sono partner pronti a contribuire.

Il progetto è davvero avveniristico, le domande e i dubbi a riguardo sono davvero tanti, che vanno dai costi alla possibilità di essere utilizzati in aree dove l’assistenza medica è davvero bassa. L’atteggiamento di Bill Gates a proposito è davvero positivo dichiarando che se questa idea avrà successo sarà fantastico ma allo stesso tempo se andrà male saremo tutti delusi. Se lungo questo progetto – conclude Gates – troveremo un vicolo cieco, non dovremo scoraggiarci ci sono sempre molte altre strade ancora da esplorare. Un buon consiglio per chi ha tra le sue idee un progetto difficile da realizzare.

Fonte | venturebeat

Google Now, Siri, Cortana: la sfida

Google Now, Siri, Cortana: la sfida

Google Now, Apple Siri e Microsft Cortana, i assistenti vocali dei tre sistemi operativi più diffusi tra i dispositivi mobile, ma qual è il migliore nel rispondere a normalissime domande? Recentemente, la il team di Stone Temple Consulting ha voluto mettere a confronto le tre piattaforme sottoponendoli ad un test con 3.086 domande che richiedevano risposte dirette. I risultati della prova possono essere sicuramene discutibili e sottoposti a varie valutazioni, ma aver sottoposto oltre 3.000 domande, tutti a voce, fornisce una quantità considerevole di dati per poter fare quindi una buona valutazione.

voice-google-siri-cortana-global-comparison-2

Secondo i risultati ottenuti Google Now ha data i risultati migliori, con Siri di Apple al secondo e Cortana di Microsoft staccato al terzo posto. Per capire come il team ha efffettuato il test ecco un video dove viene spieagato tutto nel dettaglio:

Fonte | 9to5google

Pronto: ricarica ultra-veloce per il tuo iPhone

Pronto: ricarica ultra-veloce per il tuo iPhone

Molte aziende presentano e commercializzano interessanti batterie esterne per iPhone e altri smartphone e spesso prima di essere immessi sul mercato le società avviano una campagna di crowd funding su Kickstarter o Indiegogo cercando di raccogliere fondi per trasformare il progetto in un prodotto commerciale. Tra i tanti prodotti disponibili e in fase di ricerca di fonti è interessante segnalare la batteria esterna Pronto, un accessorio che viste le premesse potrebbe mettere a disposizione degli utenti qualcosa di speciale.

Pronto, avviata la campagna su Kicktarter, ha già superato il suo obbiettivo iniziale di 50.000 dollari raggiungendo e superando i 10o.000 dollari con ancora a disposizione 28 giorni per incrementare il finanziamento. Ma come funziona Pronto? Quali sono le sue carateristiche? La prima caratteristica interessante riguarda il tempo di ricarica. La batteria esterna ha bisogno infatti di solo 5 minuti per avere abbastanza autonomia per caricare completamente la batteria di un iPhone 5 che dispone di una batteria di 1,440mAh.

A differenza degli altri dispositivi Pronto si carica molto velocemente, in quanto dispongono di una potenza di 25Watts per il modello Pronto 5 e 60Watts per il modello Pronto 12. Il modello Pronto 5 dispone di una batteria da 4,500mAh e di una porta USB da 2.4A, mentre il modello Pronto 12 dispone di una batteria da 13,500mAh Pronto 12 ed è dotato di due porte USB da 2.4A USB e una porta da 12V compatibile con i computer portatili e telecamere DSLR. Veniamo ora ai prezzi: il Pronto 5 è disponibile su Kickstarter da 59 a 79 dollari e sarà in vendita a 99 dollari. Il Pronto 12 che su sito è disponibile al prezzo che va da 99 a 119 dollari sarà in vendita a 149 dollari. Le spedizioni di Pronto inizierano nel mese di marzo per la versione 5 e nel mese di maggio per la 12.

Ecco di seguito un video che presenta i due modelli di Pronto:

Fonte | bgr

Plastc: la carta di credito universale

Plastc: la carta di credito universale

Avere il portafoglio spesso strapieno e sicuramente scomodo, soprattuto da tenere in tasca potrebbe, un recente progetto potrebbe però essere un’interessante soluzione a questo piccolo problema. Stiamo parlando di Plastc, un dispositivo che secondo i suoi realizzatori sostengono può sostituire la maggior parte delle carte di credito, carte regalo, carte fedeltà. Plastc funziona abbinata con un applicazione che comunicherà via Bluetooth i dati di pagamento, e prevede l’archiviazione di tutte le tue carte, anche se per il momento è previsto un massimo di 20, l’applicazione registra inoltre la cronologia delle transazioni.

plastc lede

Oltre a visualizzare i dettagli della carta tramite il display touchscreen e-ink, Plastc può anche mostrare codici a barre oppure i dati dell carte regalo e per garantire un alto livello di sicurezza sarà possibile cancellare da remoto i dati in caso di smarrimento o furto del dispositivo. In caso di smarrimento la carta lampeggerà avvisando chi l’ha ritrovata di restituirla. La carta visualizzerà poi il nome, la foto e la firma con il vostro numero di carta come forma di identificazione.

In passato era stato realizzato un dispositivo simile chiamato Coin, che veniva lanciato nel 2013 e proprio come Plastc, permetteva di memorizzare i vari dati della carta. Successivamente poi al lancio Coin, che aveva promesso di spedire le prime unità quest’anno, ha trasferito la propria ad ETA nella primavera 2015, una decisione che non ha reso felici i clienti che l’avevano acquistata in pre-ordine. A questo punto, visti gli sviluppi, ci si chiede se una società così sconosciuta sarà in grado di fare ciò che ha sviluppato Coin.

Se Plastc e Coin si diffonderanno sul mercato, il primo potrebbe però avere il sopravvento sul secondo visto il chip integrato che ne rende difficile la clonazione. Gli Stati Uniti infatti accetteranno solo carte con quei chip dal 2015, rendendo Coin obsoleto non sarà lanciato. Plastc è ora disponibile in pre-ordine dal suo sito al costo di 155 dollari, 55 dollari in più rispetto a Coin e potrebbe essere consegnata nell’estate del 2015.

Fonte | engadget