Technology

Le migliori tastiere per iOS 8

Le migliori tastiere per iOS 8

L’arrivo del nuovo sistema operativo di iOS 8, ha portato interessanti novità agli utenti Apple, tra le queste, grazie ad alcune libertà concesse da Cupertino, la possibilità di caricare sul dispositivo della mela delle tastiere di terze parti. In una raccolta pubblicata dal sito di tecnologia iDownloadblog sono raccolte, dopo una valutazione sul funzionamento le migliori tastiere disponibili per iPhone o iPad su iOS 8, eccole di seguito:

  • Brightkey
    Se si preferisce un layout simile alla tastiera messa a disposizione da Apple, pur avendo un aspetto diverso, allora questa è la soluzione migliore. Le posizioni sono le stesse della versioe originale di Cupertino, ma è possibile scegliere tra otto colorazioni diverse. Un interessante caratteristica è la funzione di risposta rapida nifty che permette di inviare frasi di uso comune con un solo tap. Una curiosità di Brighkey è barra spaziatrice, è infatti possibile scorrendo a sinistra o destra far scorrere e quindi selezionare le lettere.
    Brightkey è disponibile gratuitamente.Brightkey-1
  • TouchPal
    TouchPal è principalmente una tastiera che va utilizzata strisciando il dito, ma permette anche di toccare la digitazione. Tra le sue caratteristiche troviamo i suggerimenti a parole predittive e la correzione automatica, non visualizza la parola fino a quando non si tocca la barra spaziatrice. Il layout della tastiera è familiare, ma offre un bel vantaggio: i numeri sono facilmente accessibili dala tastiera delle lettere e perchè vengono visualizzati sullo stesso tasto della letterato di ogni tasto. La particolarità di questa tastiera è il facile accesso alle emoticons. La tastiera comprende inoltre otto layout di colori vivaci.
    TouchPal è disponibile gratuitamente.TouchPal-1
  • Swype
    Swype, una delle tastiere più famose mette a disposizione l’opzione di strisciamento swype-to-type, ma permette anche la normale digitazione. Dispone di cinque diversi skin che a differenza dei normali colori riportano sullo sfondo alcune immagini. Il sistema predittivo delle parole è incredibile e la tastiera memorizzerà nuove parole in futuro. La correzione automatica funziona quasi perfettamente. Una caratteristica particolarmente interessante riguarda il fatto che non c’è bisogno di consentire l’accesso completo alla tastiera per funzionare con il dispositivo, tutto quello che esegue lo fa al suo interno.
    Swype è disponibile 0,89 euro.Swype-Keyboard-3
  • MyScript Stack
    Se scrivere messaggi è il vostro hobby preferito, allora questa applicazione è l’applicazione. Con MyScript Stack si può letteralmente scrivere a mano tutte le tue parole. Tutto quello che dovete fare è iniziare a srivere sulla zona vuota e automaticamente l’applicazione, identificata la lettera la trasferirà nel messaggio. Il suggerimento automatico il sisteme predittivo vi aiuterà se avete una scrittura terribile. Tra le funzioni disponibile è possibile cambiare il colore dell’inchiostro. In funzione del tempo è difficile definire se questo sia più veloce di una scrittura normale, ma è sicurametne originale.
    MyScript Stack è disponibile gratuitamente.MyScript-Stack-1
  • KuaiBoard
    Questa tastiera, ha una particolare funzione, permette infatti di creare dei testi scritti in precedenza e quindi rispondere con un solo tocco. All’interno di KuaiBoard sarà infatti possibile creare dei testi standard e salvarli nel TextBoard come: Ciao mamma, ho bisogno di prendere in prestito di nuovo dei soldi questo mese. Avendoli poi a disposizione basterà semplicemente aprire il documento che si desidera e inserire il testo digitato in precedenza con un semplice tap. In KuaiBoard è inoltre possibile inserire delle informazioni personali da utilizzare come riempimenti veloci per i form dei siti web.
    KuaiBoard è disponibile per 1,79 euro.KuaiBoard-1
  • Minuum
    Se si preferisce avere più spazio disponibile sullo schermo rispetto allo spazio occupato dalla tastiera allora Minuum è la soluzione. L’intera tastiera infatti può essere schiacciata fino a due righe, una caratteristica davvero unica, permettendo lo stesso all’utente di digitare il testo. Possiamo tranquillamente dire che in questo caso gli sviluppatori hanno lavorato duramente per fornire la miglior soluzione compatta che permettesse anche la scrittura. Questa tastiera dispone inoltre della migliore correzione automatica. Quando viene ridotta a due righe Minuum sa riconoscere quale parola si sta digitando e offrire in certi casi alcuni suggerimenti predittivi.
    Minuum è disponibile a 0,89 euro.Minuum
  • SwiftKey
    La caratteristica principale di questa applicazione è la sua personalizzazione, perchè è infatti possibile una serie di parole da essere poi utilizate nel sistema predittivoa predittivi possibili. Una volta iscritto sul cloud e collegato Facebook, l’applicazione riconoscerà automaticamente le parole utilizzate regolarmente. Quindi, se si userà spesso la Stasera aperitivo insieme, l’applicazione metterà questa frase nel sistema predittivo non appena sarà digitata la lettera S, tutto questo perchè, come detto SwiftKey memorizza le vostre abitudini di battitura nel cloud. Questa tastiera è infine utilizzabile su più dispositivi.
    SwiftKey applicazione è disponibile gratuitamente.SwiftKey-1
  • Fleksy
    Questa tastiera, grazie alle sue funzioni di base è detentrice del record mondiale per la scrittura del messaggio di testo più veloce da touch-screen. In Flexy è infatti possibile spostarsi facilmente nella zona del testo, strisciare per eliminare parole, scorrere verso l’alto o verso il basso per sceglierea tra le diverse opzioni di parole presentate con sistema predittivo. Nella sua enorme flessibilità bastano solo due dita per ridurrla e tenere premuto un tasto per passare velocemente da lettere a numeri. Viene fornite con sei colori molto brillanti ed è possibile aggiungerne altri acquistandola.
    Fleksy è disponibile a 0,89 euro.
    Fleksy-1

Questa è una piccola raccolta di tastiere disponibili per iOS 8, con caratteristiche diverse tra loro ma allo stesso tempo interessanti. Hai trovato e quindi provato altre tastiere interessanti sul tuo dispositivo Apple? Scrivile qua sotto nei commenti!

Fonte | idownloadblog

Project Ara: gli ultimi aggiornamenti sullo smartphone modulare di Google

Project Ara: gli ultimi aggiornamenti sullo smartphone modulare di Google

Il lancio dello smartphone modulare di Google è in programma, dichiara PhoneBlocks, nei primi mesi del 2015 dopo essere stato presentato in occasione della seconda conferenza degli sviluppatori Ara nel mese di dicembre al Google I/O. Ma quali sono le caratteristiche di Project Ara, quali sono le potenzialità di questo interessante progetto? Il direttore di Project Ara Paul Eremenko ha voluto spiegare cosa realizzerà Google in un recente discorso.

Gli smartphone modulari di Project Ara disporranno di una versione modificata di Android L, l’ultima versione del sistema operativo realizzata da Google, che verrà diffuso su tutti i dispositivi prossimamente. Si tratta sicuramente di un dettaglio importante l’avere a disposizione l’ultima release del sistema operativo. Ancora più interessante all’interno di Project Ara sono i moduli hotswap, che potranno essere tolti e sostituiti senza spegnere il dispositivo.

Unica condizione che comporta lo spegnimento la sostituzione del processore o del display. La possibilità di sosituire il modulo è molto interessante a livello pratico, permettendo all’utente una grande flessibilità nella sostituzione e aggionamento del dispositivo. Google con Project Ara punta proprio a questo, mettere a disposizione dell’utilizzatore un telefono completamente aggiornabile nel tempo, permettendogli di sostituire il modulo obsoleto e non tutto il dispositivo come avviene oggi.

project ara modular

I moduli, una volta commercializzato il telefono saranno disponibili online in un negozio simile al Play Store. PhoneBlocks, oltre alla rivelazione sulla data di lancio ha aggiunto che molti partner, tra cui Quanta, Toshiba, Rockchip, Foxconn, Laird Technologies e Array Labs stanno lavorando con Google su Project Ara. BigG ha dichiarato inoltre che con Laird e Array  è in corso lo sviluppo di moduli con caratteristiche innovative mai viste prima. A questo punto non resta che aspettare per vedere cosa ci porterà tra le mani Project Ara, un dispositivo che potrebbe davvero cambiare e rendere flessibile il mondo degli smartphone.

Fonte | bgr

Google Glass: test in corso nell’aeroporto di Edinburgo

Google Glass: test in corso nell’aeroporto di Edinburgo

I Google Glass, gli occhiali a realtà aumentata di Mountain View, disponibili da poco nel Regno Unito stanno per essere utilizati in una nuova applicazione. Questa volta il dispositivo indossabile di Google si rivolgerà ad un numero elevato di persone, più precisamente come assistente all’interno degli aeroporti. Prendere un aereo oggi non è più una cosa per pochi, non è più se vogliamo una cosa che fa moda, è così normale che la gente è sempre alla ricerca di una nuova esperienza, come provare la business class così come passare il tempo in tutti i lounge bar presenti negli aeroporti. La nuova applicazione inerente a questo settore arriva dall’aeroporto di Edimburgo, terminal che si propone di essere il primo al mondo che metterà a disposizione dei suoi dipendenti del servizio clienti i Google Glass.

 google_glass

Questa particolare applicazione verrà sfruttata per capire come la tecnologia può essere utilizzata per aiutare i viaggiatori che sono alla ricerca di informazioni sul loro viaggio o come muoversi all’interno delle strutture aeroportuali, oppure la traduzione della documentazione del passeggero in inglese. I Google Glass verrano quindi messi a disposizione del servizio clienti dell’aeroporto fino alla fine del 2014, offrendo un servizio più completo alle tante richieste dei passeggeri come le informazioni sui voli, la traduzione di alcuni documenti.

Gordon Dewar chief Executive dell’aeroporto di Edinburgo ha dichiarato la società è sempre alal ricerca nuovi sistemi innovativi per migliorare l’esperienza all’interno dell’aeroporto dei nostri passeggeri e l’impiego dei Google Glass è un grande esempio di come stanno pensando fuori dagli schemi. A questo punto la curiosità è tanta a riguardo, potrebbe essesre interessante prenotare un volo per Edinburgo per vedere gli assistenti del terminal che rispondono alle domande grazie ai Google Glass.

Fonte | ubergizmo

iPhone 6: la demolizione

iPhone 6: la demolizione

Demolire o comunque distruggere un iPhone è diventato di moda visti gli ultimi video condivisi in rete. Testare la resistenza del nuovo dispositivo Apple è sicuramente una buona cosa per capire come si potrebbe comportare il telefono in situazioni limite, ci sono però alcuni che hanno voluto letteralmente distruggere il nuovo iPhone 6, certo adesso sappiamo che non resisterà per esempio ad un frullatore, ma la domanda che mi ponevo guardando questi video era: perchè demolire letteralmente un dispositivo che comunque a conti fatti ha un valore davvero importante? Qual è lo scopo di questa distruzione del nuovo dispositivo Apple?

Le risposte possono sicuramente essere tante, tra queste una cosa è sicura, la visibilità di questi video è davvero davvero alta, vedere un iPhone 6 completamente distrutto potrebbe far venire un colpo a chi ama Apple ma allo stesso tempo divertire chi la odia. Nei video trovati in rete possiamo vedere un iPhone 6 Plus frullato dalla BlendTec famosa per ridurre tutti i dispositivi in minuscoli pezzettini, un iPhone 6 forato con un trapano, un altro, con tanto di ripresa soggettiva, schiacciato da una macchina e infine uno testato con la termite (vero o falso?).

Il nuovo iPhone 6 e comunque la stessa Apple sono molto in vista e, il minimo sbaglio, il minino errore di progettazione viene subito messi in evidenza così da dimostrare che Cuperino non è perfetto, che ha molti difetti. Il gioco, se possiamo definirlo così, di molte persone in un certo senso è questo, mettere in evidenza i limiti della società. Questi video davvero oltre il limite, dove il nuovo iPhone 6 viene sbriciolato giocano proprio su questo, sfruttando l’enorme visibilità del colosso americano pubblicano il video dove il nuovo dispositivo viene portato oltre il limite.

Ecco infine i video dove il nuovo iPhone 6 viene demolito, se trovate altri video simili condivideteli!

FAA: approvato l’utilizzo dei droni per le riprese cinematografiche

FAA: approvato l’utilizzo dei droni per le riprese cinematografiche

Oggi, la Federal Aviation Administration (FAA) ha annunciato che permetterà l’uso del di veicoli aerei senza equipaggio (UAV) su alcuni set cinematografici statunitensi. Secondo la FAA, questo è il primo passo per consentire all’industria cinematografica e televisiva l’utilizzo di sistemi aerei senza pilota (UAS) nello spazio aereo degli Stati Uniti. Una precedente decisione della FAA vietava l’uso commerciale dei droni, ma recentemene l’agenzia sta sempre più autorizzando delle eccezioni perché un certo numero di aziende (come Amazon) interessate all’utilizzo dei droni nel settore commerciale.

La Motion Picture Association of America (MPAA) aveva esercitato delle pressione per ottenere una deroga sul divieto, che grazie al cambiamento delle regole le aziende di produzione cinematografica potranno utilizzare droni per le riprese riprese aeree in alternativa ad elicotteri ed aerei. L’esenzione non significa che l’industria cinematografica avrà piena libertà – spiega Jesse Kallman, Business Development and Regulatory Affairs presso l’azienda Airware – La MPAA e i suoi operatori associati è stata si esentata da alcuni divieti, ma deve chiedere l’approvazione operativa per poter lavorare in determinate aree specifiche – conclude Kallman. Questa decisione della FAA, potrebbe essere secondo molti, l’inizio dell’utilizzo dei droni in moltissime applicazioni.

Fonte | venturebeat

iPhone 6: test sull’impermeabilità

iPhone 6: test sull’impermeabilità

Apple, in fatto di vendite ottiene sicuramente risultati interessanti confrontabili con la concorrenza, ma ci sono diverse caratteristiche che il nuovo iPhone 6 non possiede rispetto ad altri modelli. Una delle caratteristiche più richieste dalla maggior parte degli utenti in uno smartphone è l’impermeabilità e la resistenza alla polvere, mentre sia Sony e Samsung hanno entrambi questa caratteristica nei loro smartphone Xperia Z3 e il Galaxy S5, Apple è ancora più vulnerabile a polvere e acqua. A questo punto potremmo dire che Apple è un passo indietro rispetto agli altri non avendo uno smartphone impermeabile. SquareTrade, società che effettua test sui dispositivi, smentisce almeno in parte questo, ha infatti scoperto che il nuovo iPhone 6 e iPhone 6 Plus potrebbe sopravvivere per breve periodo di tempo quando completamente immersi in acqua.

Per un tempo massimo di 10 secondi, secondo le prove effetuate il nuovo iPhone 6 resisterà ad una totale immersione in acqua. In alcune foto pubblicate da iFixit la scorsa settimana, dopo alcune prove distruttuve è possibile capire il perchè di questo, nelle immagini è infatti possibile vedere delle guarnizioni in gomma che circondano i tasti. Questa protezione potrebbe essere una scelta di Apple per migliorare la durata del suo dispositivo finito accidentalmente in acqua. Questa prova non è ovviamente una garanzia che il vostro iPhone 6 o 6 Plus potrà sicuramente sopravvivere ad un tuffo in piscina, ma con questa nuova configurazione potremo stare più tranquilli.

Ecco il video con le prove effettuate da SquareTrade:

Fonte | bgr

iOS 8: un migliore controllo della batteria

iOS 8: un migliore controllo della batteria

Sarà sicuramente successo a molti di prendere in mano il prprio iPhone appena ricaricato e trovarsi con una batteria già scarica in poco tempo di un punto percentuale. Una soluzione, mettersi in tasca o in borsa una batteria esterna per ricaricaricare il melafonino quando la batteria vi abbandonerà. Grazie all’ultima versione del sistema operativo Apple iOS 8, sarà possibile gestire al meglio l’autonomia della batteria.

screen_shot_2014-09-19_at_2.02.18_pm.png

Taylor Hatmaker di The Daily Dot spiega come i nuovi utenti di iOS 8 possono visualizzare questi dati. Una volta aperta la schermata di utilizzo della batteria, sarà in grado di visualizzare un elenco di applicazioni ordinate in funzione di quanto consumano la batteria. I consumi possono essere poi visualizzati in funzione dell’utilizzo nelle ultime 24 ore e negli ultimi sette giorni. Questa nuova funzione presente in iOS 8 sarà sicuramente molto utile nel caso in cui dovremmo trovarci con un’improvvisa riduzione della durata della batteria. Si tratta se vogliamo di una novità aggiunta un po’in ritardo su iOS, ma estremamente utile. Per visualizzare questi dati basterà seguire questo percorso: Impostazioni> Generali> Utilizzo> Utilizzo batteria.

Fonte | slashgear


iPhone 6: NFC disponibile solo con Apple Pay

iPhone 6: NFC disponibile solo con Apple Pay

Una delle principali nuove caratteristiche del nuovo iPhone 6 oltre al display più grande e alla versione iPhone 6 Plus è la presenziaza del protocollo NFC (NearField Communication) presente nel nuovo Apple Pay. In altri telefoni attualmente sul mercato, oltre al pagamento tramite smartphone, la comunicazione tramite NFC permette non solo i pagamenti mobili, ma permette di sincronizzare rapidamente altoparlanti e applicazioni. Secondo un rapporto condiviso da Cult of Mac, Apple mette delle limitazioni sull’uso di NFC, gli sviluppatori iOS e produttori di accessori non saranno in grado, di utilizzare questa nuova funzione inserita da Cupertino nelle loro applicazioni e prodotti.

Apple non è nuova a questo tipo di scelta, già con il lancio del touch ID lo scorso anno aveva attuato questo tipo di politicaLa scorsa settimana la società aveva però dichiarato che lavorerà con più di 200.000 attività commerciali tra cui Whole Foods e Macy e verrà integrato in applicazioni da Target e OpenTable. Durante il lancio del nuovo iPhone 6, Apple ha rivelato che il protocollo NFC sarà presto in grado per esempio di sbloccare le porte in alcuni alberghi, funzione che apre la strada a a nuove tecnologie e nuovi accordi che Apple porterà a termine in futuro per mettere a disposizione dell’utente nuove funzioni per un esperienza più completa.

Fonte | mashable

Apple Watch: impermeabile ma non troppo

Apple Watch: impermeabile ma non troppo

Apple ha presentato la nuova linea di prodotti mobile “magici”, ma la società ha lasciato molte domande senza risposta come per esempio se l’ormai famoso Apple Watch sarà impermeabile e resistente all’acqua. Durante una dimostrazione però il dispositivo viene spruzzato con acqua, il che implica che vi sia almeno un certo grado di sopportazione all’acqua, notizia confermata anche da David Pogue. Il dispositivo – spiegato durante un Apple Watch briefiing – resiste a sudorazione, indossato sotto la pioggia, lavarsi le mani, oppure cucinare, ma meglio toglierlo prima di nuotare o lavarsi sotto la doccia

Va considerato che, togliere il vostro Apple Watch significherà che quando si metterà di nuovo dovrete reinserire il PIN per i pagamenti wireless. La funzione di sicurezza biometrica di Apple Pay è una combinazione di PIN e pelle, finché l’orologio sa che è sul polso, dove può rilevare i battiti cardiaci oppure determinare la sua posizione, consente di pagare, semplicemente avvicinando il dispositivo a un terminale NFC compatibile, senza bisogno di riinserire il codice PIN. Piuttosto che avere l’orologio con voi sotto la doccia, sarebbe meglio posizionare Apple Watch sul suo supporto di ricarica, in quanto il dispositivo dovrà essere ricaricato ogni giorno.

Fonte | bgr

iPod Classic: addio ad un lettore ancora molto utilizzato

iPod Classic: addio ad un lettore ancora molto utilizzato

Il famosissimo iPod Classic, il giganesco lettore musicale, dopo 1826 giorni dall’ultimo aggiornamento software è stato rimosso dal negozio on-line. In tutta sincerità questo iPod non è mai entrato in grande sintonia con i clienti e per questo non viene ricordato come un dispositivo eccezionale. La linea iPod ha visto un forte calo delle vendite con iPod Classic, che si è ripresa poi con la nascita della versione touch che rappresenta il 50% delle vendite, seguito da Shuffle e Nano.

Al di la di questa rimozione iPod Classic è ancora molto utilizzato grazie alla durata della batteria e al grande spazio di archiviazione, caratteristiche per per esempio non sono disponibili su iPod Touch. iPod Classic è stato rimosso e a quanto pare non la vedremo mai più, ma tanti utenti proprio per alcune sue caratteristiche interessanti lo continueranno ad utilizzare. Sarebbe stato bello vedere un nuovo aggiornamento come per esempio la sincronizzazione wireless ma Apple ha deciso così chiudendo definitivamente.

E tu utilizzi ancora il vecchio iPod Classic magari poco smart ma con molta praticità?

Fonte | technobuffalo