Google: quanto ci conosce?

La nostra presenza online, grazie allo sviluppo e alla creazione di nuove tecnologie negli ultimi anni è aumentata. La necessità di essere sempre connessi è sicuramente cresciuta, portandoci a passare più tempo in rete interagendo in maniera sempre più attiva con altri utenti. Quando effettuiamo ricerche, quando ci connettiamo con nuovi canali, quando compiliamo un form, andiamo inevitabilmente ad inserire una serie di dati personali in rete che vengono memorizzati e utilizzati per effettuare ricerche e statistiche dai colossi del web.

Una parte importante di questo mondo è gestita da Google, il motore di ricerca numero uno al mondo che in funzione delle nostre iscrizioni delle nostre ricerche, immagazzina dati stilando per ogni utente una sorta di scheda con la maggior parte delle operazioni immesse in rete. Ma quali sono le informazioni memorizzate da Google? Quanto ci conosce? Cosa possiamo permettergli di sapere e cosa possiamo in certi casi cancellare?

Vediamolo insieme in questi punti:

1. Google, analizza quello che un utente fa online come per esempio cosa cerca, come si muove tra le pagine. In funzione di questo proporrà una serie di annunci ottimizzati e dedicati per ogni singolo utente. A questo link è possibile vedere cosa Analytics, il sistema di analisi che si occupa di questo, cosa conosce dell’utente. Google da la possibilità a chi volesse, di cancellare queste informazioni e non permettere la pubblicazione di annunci durante una ricerca sul web tramite questo link.

2. BigG è principalmente un motore di ricerca che viene utilizzato da moltissimi utenti. Tutte le ricerche effettuate vengono memorizzate da Google ed è possibile vederle a questo link. La memorizzazzione di tutte le ricerche effettuate, è importante dirlo, avviene solo quando ci si è registrati su Google, in caso contrario non viene mantenuta traccia delle ricerche.

3.  Se in possesso di uno smartphone con sistema operativo Android, tutti le volte che verrà inviata la posizione Google la memorizzerà stilano un elenco delle localizzazioni indicando anche in quale giorno mese e anno è stata inviata. Questo è possibile vederlo a questo link.

4. Controllare la propria privacy è importante, Google aiuta in questo con la possibilità di ricevere un report sulla sicurezza e sulla privacy una volta al mese. A questo link è possibile effettuare questo tipo di richiesta semplicemente spuntando la frase “Inviami promemoria mensili per controllare l’attività del mio account”.

5. Quali sono le applicazioni che hanno accesso ai dati personali? Quali dispositivi li utilizzano? A questo link è possibile vedere tutto questo: dispositivi, applicazioni web e per dispositivi mobile. In questa pagina è poi possibile revocare l’accesso con cui non si vuole più condividere i dati personali.

6. Sesto punto ma non meno importante riguarda il backup. Google permette infatti di scaricare, suddiviso per applicazione o servizio, un copia di sicurezza dei dati personali. Il servizio di backup è disponibile a questo link.