app

Facebook utilizza troppa memoria sul tuo iPhone: tip and tricks

Facebook utilizza troppa memoria sul tuo iPhone: tip and tricks

L’applicazione Facebook per iPhone è sicuramente molto comoda, perchè vi permette di essere sempre connessi con i vostri amici, ma ha un piccolo difetto, un utilizzo continuo porta a un sensibile incremento della memoria cache occupata, rubando magari spazio che potrebbe servirvi per altri motivi. Matthew Stuart di Business Insider facendo un controllo sul proprio smartphone si è accorto proprio di questo: Facebook continua a espandere la quantità di memoria, più lo si utilizza più questo spazio aumenta.

Perchè succede tuto questo? Facebook durante il suo utilizzo apre collegamenti all’interno della app sul proprio browser interno, invece di utilizzare un browser esterno come Chrome o Safari. Il social ha infatti sviluppato la sua app in modo che ogni volta che apre una pagina web venga caricata completamente. In pratica più pagine si aprono più la memoria cache cresce, quindi più spazio viene occupato. Facebook, per risolvere il problema, sta lavorando per trovare il giusto equilibrio dei contenuti ottimizzando la cache, così da renderla più fluida, specialmente per utenti che tornano più volte sullo stessi contenuti. Foto e video rappresentano la maggior parte dei dati memorizzati – spiega Facebook – in un recente aggiornamento abbiamo attivato una funzione che elimina le vecchie foto dal dispositivo che non vengono utilizzati da tempo. Abbiamo inserito inoltre – continua il social – un punto limite di spazio occupato che va cancellare la cache quando ha raggiunto i 25 megabyte.

Un aggiornamento sicuramente interessante, tuttavia, se siete a corto di spazio sul vostro iPhone, una buona soluzione potrebbe essere quella di utilizzare Facebook direttamente nel browser mobile così da aprire i vari link al suo interno e non nell’applicazione di Facebook occupando spazio sul dispositivo. Un ulteriore possibilità potrebbe essere quella di disinstallare e reinstallare Facebook, quando vi sembra che lo spazio occupato sia troppo.

Fonte | bgr

TestFlight: ecco la nuova versione Apple

TestFlight: ecco la nuova versione Apple

L’applicazione TestFlight è un importante aiuto per gli sviluppatori, perchè gli permette di aggiungere rapidamente e facilmente nuovi tester ad un’applicazione da controllare e collaudare prima di essere caricata sull’App Store. Il servizio è molto utile tanto da convincere Apple ad acquisirla e assumere il suo creatore Burstly, facendola diventare la propria applicazione test per i suoi sviluppatori iOS.

Apple, ha annunciato ieri che TestFlight è disponibile a tutti gli sviluppatori iOS. Grazie alla nuova versione creatta da Cupertino, potrano aggiungere fino a 1.000 utenti, molti di più rispetto alla precedente versione che limitava l’utilizzo a solo 25 utenti. L’applicazione è ora integrata con iTunes Connect dove una volta impostati i gli utenti abilitati gli interessanti potranno scaricare TesftFlight da App Store.

Fonte | thenextweb

 

Normal Battery Analytics: maggiore autonomia per il tuo iPhone

Normal Battery Analytics: maggiore autonomia per il tuo iPhone

La durata della batteria di uno smartphone è certamente un problema che preoccupa molti utenti, compresi gli utenti iPhone. Proprio pensando all’autonomia del vostro dispositivo Apple, sarebbe interessante sapere quali sono le applicazioni che consumano più batteria, avere a disposizione un analisi precisa su quale app influisce di più sulla batteria del nostro melafonino. Tutto questo da oggi è possibile grazie a Normal: Battery Analytics una interessante utility in grado di definire il consumo per ogni app installata sul melafonino.

Normal, sviluppata da Adam Oliner e Jacob Leverich, laureati presso l’università di Sanford, permette di avere sottomano il controllo dei consumi della batteria gestendo al meglio l’autonomia. Grazie a questa interessante invenzione è possibile sapere quali applicazioni sono attive e il relativo consumo così da poterle chiuderle manualmente nel caso influissero pesantemente sulla durata della batteria. Come possiamo vedere nell’immagine riportata sotto chiudendo per esempio Google possiamo aumentare l’autonomia del nostro iPhone di 1 ora e 36 minuti.

normal_app

Rispetto ad altre applicazioni presente in rete Normal, oltre a controllare la nostra batteria e a definire di che autonomia disponiamo, confronta il nostro utilizzo con quelli di altri utenti dicendoci, se in funzione del nostro utilizzo siamo nella media. L’analisi effettuata da Normal non è però disponibile per tutte le app come per esempio per Twitter, l’app non è in grado di fornire delle statistiche di consumo. Tutto questo dipende dal numero di utenti che condivide i dati di utilizzo, con pochi dati disponibili non sarà presente in Normal l’analisi dei consumi. Ciò vuol dire che le app meno usate potrebbero soffrire di una carenza di dati. Se volete avere sotto controllo i consumi del vostro iPhone Normal: Battery Analytics è disponibile su App Store al costo di 0,89€.

Hextris: ecco Tetris esagonale

Hextris: ecco Tetris esagonale

Ora che la mania per 2048 sta diminuendo, viene spontaneo chiedersi quale sarà il prossimo gioco di tendenza da installare sui nostri dispositivi mobile. Tra i tanti presenti in rete Business Insider, sito di notizie tecnologiche, segnala Hextris, un nuovo gioco di abilità che definische una reincarnazione di Tetris, ma in forma di esagonale. Il gioco consiste infatti nel disporre una serie tasselli colorati, che arrivano dai sei punti diversi, dui lati di un esagono posizionato centralmente. Per effetturare gli accoppiamenti corretti sarà poi necessario ruotare l’esagono andando ad accoppiare i tasselli dello sesso colore. Unendo quindi tre o più tasselli, scompariranno, facendo guadagnare punti al giocatore.

Il gioco è disponibile per quasi tutte le piattaforme, c’è infatti una versione per iOS e Android e per desktop integrato in Google Chrome. Per la versione mobile, basterà semplicemente toccare il lato sinistro dello schermo per ruotare l’esagono in senso antiorario e il lato destro per ruotarlo in senso orario. Durante la partita poi i tasselli colorati compariranno con maggiore intensità aumentando le difficoltà per il giocatore. Il gioco terminerà quando non si riusicirà a tenere il passo imposto dal programma e l’esagono si riempirà di linee colorate.

Hextris è stato creato da quattro ragazzi delle scuole superiori di Boston, Garrett Finucane, Noah Moroze, Michael Yang e Logan Engstrom che, presentati con il nome Team Snowman  hanno ottenuto il pimo posto al concorso HackExeter 2014. Successivamente Engstrom e Finuncane hanno poi ottimizzato e commercializzato il gioco mantenendolo open source. Alcune persone ci hanno detto che è divertente – ha detto Finuncane – dopo la prima presentazione i download del gioco hanno iniziato ad arrivare e ci siamo sorpresi dei risultati interessanti. I primi download stanno dando ragione a questi due ragazzi e secondo le prime impressioni Hextris potrebbe diffondersi molto rapidamente grazie alla sua semplicità e immediatezza nel giocarci. Potrebbe essere il nuovo 2048? Non resta che aspettare e vedere come la rete risponderà a Hextris il tetris esagonale!

Ecco il trailer di Hextris sul canale ufficiale:

Fonte | businessinsider

HealthKit: supporto nativo per gli accessori bluetooth

HealthKit: supporto nativo per gli accessori bluetooth

HealthKit, la nuova piattaforma Apple per tutte le app legate alla salute presentata con iOS 8, sarà un nuovo centro informazioni a disposizione dell’utente dove potrà memorizzare e condividere i dati sanitari. Cupertino in merito alla compatibilita con altre app ha inserito una compatibilità molto interessante: alcuni accessori Bluetooth funzioneranno nativamente senza bisogno di uno sviluppo specifico. Ciò significa che i produttori di accessori potranno saltare complettamente il processo di sviluppo della loro app per essere compatibili con HealthKit e quindi connettersi automaticamente.

Apple, per permettere questa facilità di connessione, sta utilizzando specifiche ufficiali standard per i dispositivi Bluetooth LE da Bluetooth.org, così da garantire automaticamente una connessione diretta, quindi senza bisogno di modifiche con i  dispositivi che misureranno i seguienti parametri: frequenza cardiaca, pressione, misuarazione del glucosio e termometro. Non solo HealthKit sarà in grado di stabilire automaticamente una connessione con i dispositivi ma, gestirà anche i dati in uscita da queste app salvandole al suo interno permettendo quindi un scambio di informazioni nelle due direzioni.

Apple sta, oltre a questa facilitazione in connessione Bluetooth,  incoraggiando i produttori a costruire altri tipi di accessori che non rientrano nell’ambito dei dispositivi supportati in modo nativo. Apple HealthKit, questo è certo, ma va detto che è nel suo interesse mettere a disposizione più strumenti possibili se vogliono sviluppare al meglio questa nuova sezione legata alla salute.

Fonte | 9to5mac

Apple: Apps We Can’t Live Without – dedicato agli sviluppatori

Apple: Apps We Can’t Live Without – dedicato agli sviluppatori

Apple per ringraziare tutti gli sviluppatori che sviluppano ogni applicazioni su iOS ha voluto pubblicare questo video che ha voluto chiamare Apps We Can’t Live Without, (App, noi non possiamo vivere senza), un video dove Cupertino ha voluto raccogliere i tanti lavori e le creazioni fatte in questi anni spiegandolo cosi:

Sviluppatori e le applicazioni iOS che creano hanno cambiato il nostro modo di interagire, imparare, divertirsi, lavorare e vivere. Ecco un piccolo ringraziamento agli sviluppatori scritto dalle persone che non possono vivere senza le loro applicazioni.

Line Creators Market, crea il tuo stickers

Line Creators Market, crea il tuo stickers

Line l’app di messaggistica e chiamate gratuite ha annunciato l’apertura di Line Creators Market, una novità rivolta a chi vorra sviluppare creare gli stickers. Una volta registrati, gli utenti potranno realizzare e vendere le loro creazioni. Questo potrà aprire sicuramente un nuovo mercato per gli sviluppatori grazie ai loro stickers speciali dando così all’applicazione una certa originalità.

LINE Creators Market

Line Creators Market permetterà quindi di creare e vendere i propri sticker all’interno dell’applicazione stessa. Il nuovo servizio è già attivo, gli utenti effettuando l’accesso al sito possono registrarsi come Creator e inserire i propri sticker. Tutte le creazioni verranno poi analizzate e una volta superato il controllo saranno messi in vendita a partire dal mese di maggio sul sito LINE Web Store. Per il momento la società ha deciso di metterli in vendita solo in Indonesia, Giappone, Taiwan e Tailandia, in futuro lo store verrà aperto anche ad altri Paesi. Un set di 40 sticker costeranno 100 JPY, circa 0,70 €, il 50% del totale sarà incassato dall’autore.

Just Eat: ordina la cena dal tuo smartphone

just-eat

Sei a casa, fuori piove, fa freddo e non ha voglia ne di usice ne di cucinare ma hai fame a questo punto cosa fai? La soluzione sarebbe una consegna a domicilio di un buon pasto caldo. Tra la varie società che operano in questo settore, arriva dall’Regno Unito un nuovo servizio di consegne a domicilio, stiamo parlando di Just Eat  un app che ti permetterà di ricevere a casa i tuoi pasti quando è dove vuoi.

Just Eat dispone di una libreria di circa 1400 ristoranti giapponesi, messicani, cinesi ecc… disposte su tutto il territorio italiano. Attualmente l’applicazione è disponibile sia per iOS che per dispositivi Android. Grazie a questa app, basterà semplicemente inserire il tipo di ristorante e la via in cui vi trovate. Automaticamente la applicazione vi presenterà un elenco di tutti i ristoranti nelle vostre vicinanze.

Just Eat si trova gratuitamente su Google Play e App Store

Fonte | androidworld

A Simple #CoffeeBreak – The last week #2

A Simple #CoffeeBreak – The last week #2

Buongiorno a tutti! Eccoci ancora con l’appuntamento di inizio settimana con A Simple #CoffeeBreak – The last week con l’elenco di tutti i post pubblicati, questa volta in formato Google+.

Nuovi aggiornamenti per twitter, la stategia Microsoft per Windows XP, nuovi brevetti apple per iMessage, una raccolta di app per una vita più semplice e un accessiorio interessante per desktop Apple. Buona lettura e soprattutto buona settimana!!


 

 


 

 


 

 

SquareOne: una nuova App per mettere ordine tra le email

SquareOne: una nuova App per mettere ordine tra le email

Cosa fare quare quando si ricevono centinaia di email al giorno? Spesso mettere ordine e capire subito quelle che sono più importanti o che necessitano di immediata risposta non è semplice. SquareOne è un nuova applicazione che prometter di risolvere questi problemi. Il suo principale obiettivo è infatti quello di metter ordine nella casella di Gmail facendo risalatare immediatamente i messaggi più importanti.

Il sistema, brevettato da un team di psicologi, ingegneri e esperti in scienze cognitive, elimina lo scorrimento verticale e si basa su una divisione in zone o cartelle. Il cuore di questa applicazione, per ora disponibile solo per iPhone, è la possibilità di avere una serie di gruppi di emittenti a cui SquareOne indirizza automaticamente i relativi messaggi. Oltre ai gruppi di defaul è possibile crearne altri, attribuendo un nome e un’icona per facilitarne il riconoscimento. E’ inoltre possibile eliminare le notifiche solo per uno o più gruppi e non per l’intera casella.

Al primo avvio SquareOne presenta anche alcune curiose statistiche riguardo al proprio utilizzo della posta. per esempio quante email vengono ricevute in un mese o una stima del tempo necessario a rispondere a tutte. L’applicazione è scaricabile per iPhone su AppStore.

Ecco invece il video di presentazione sul sito dell’azienda:

Fonte | thenextweb