aziende

Facebook: test sui post che si autoeliminano, ma come utilizzarli?

Facebook: test sui post che si autoeliminano, ma come utilizzarli?

Nuovi test in casa Facebook, sulla quanto già fatto da Snapchat e Slingshot di proprietà di Zuckerberg, il social più grande del mondo sta testando una nuova funzione chiamata Choose Expiration, che permette ad un utente di mettere ad un post scegliere entro quanto tempo un post pubblicato sparirà dalla sua bacheca. La notizia, pubblicata su vari siti statunitensi, è stata confermata poi dalla stessa società che in una dichiarazione ha spiegato che stanno conducendo alcuni test su una nuova funzione che permette agli utenti di programmare la cancellazione di un post.

La sperimentazione, come succede spesso in questi casi, verrà effettuata su un numero ridotto di utenti Facebook sulla versione mobile dell’applicazione per iOS, su iPhone e iPad. Chi potrà testare la nuova funzione si troverà davanti un menu dove sarà possibile scegliere il tempo di durata della visualizzazione, che varierà da un minimo di un’ora a sette giorni, scaduto il post pubblicato si autoeliminerà.

Ma a questo punto al di la delle chat come Snapchat e Slingshot, come potrà essere sfruttata questa nuova funzione su Facebook? L’utilizzo principale e magari più concreto sarà per le società presenti sul social che grazie a questi post a tempo potranno pubblicare per esempio coupon con offerte promozionali, offerte durante i saldi, insomma post che grazie alla durata potranno portare un guadagno alle aziende se sfruttato bene. La nuova funzione, sembra indirizzata più verso le attività commerciali, un utente privato non avrà sicuramente interesse a pubblicare un post che si autoelimina. Tutto questo sarà ovviamente disponibile se i test che Facebook sta effettuando andranndo a buon fine, ad oggi però non si conoscono ancora i particolari di questa nuova funzione e di come Zuckerberg vorrà implementarla nella sua creatura, una cosa è certa, se giocata bene potrebbe essere una grande possibilità per le aziende.

 

Apple e IBM insieme per vendere alle imprese

Apple e IBM insieme per vendere alle imprese

Apple e IBM hanno annunciato oggi una nuova partnership, Cupertino con l’intento di espandere il suo mercato ha raggiunto questo tipo di accordo in cui il nuovo collaboratore contribuirà attivamente alla vendita di iPhone e iPad alle imprese. Scendendo più nei particolari questo accordo porterà nei dispositivi di Cupertino più di 100 soluzioni specifiche per il settore aziendale, grazie alla suite IBM e dei suoi servizi cloud come la gestione dei dispositivi, la sicurezza, il sistema di analisi e l’integrazione mobile. Apple da parte sua realizzerà alcuni piani AppleCare aziendali su misura.

Per la prima volta – dichiara Tim Cook, CEO Apple – stiamo mettendo a disposizione dei nostri utenti il sistema di analisi dei dati realizzata da IBM, tutto questo è una grande opportunità di mercato per Apple. Questo – contiuna Cook – è un passo importante a favore delle imprese ed è qualcosa che solo Apple e IBM saranno in grado di fornire. Mentre la nuova partnership prende forma, possiamo dire che è strano che queste due società lavorino insieme, decenni fa, erano concorrenti agguerriti, anche se ad un certo punto hanno scelto strade separate: Apple sulla tecnologia di consumo menre IBM verso l’impresa.

Il CEO di IBM Ginni Rometty con Tim Cook CEO Apple

Il CEO di IBM Ginni Rometty con Tim Cook CEO Apple

Apple per quanto le riguarda è riuscita a raggiungere i primi livelli nel mondo degli affari,diventando il dispositivi mobile più utilzizzato nelle aziende. IBM, tuttavia, può aiutare Apple a migliorarsi ancora di più grazie alla sua esperienza, portandola a conquistare un’altra fetta di mercato. Ricordiamo che al Worldwide Developer Conference del mese scorso, Apple ha presentato nuove funzionalità su iOS 8, proprio inerenti a questo discorso come la protezione avanzata dei dati e una migliore condivisione dei documenti.

Fonte | thenextweb