Bill Gates

Bill Gates: una nuova macchina per diagnosticare le malattie

Bill Gates: una nuova macchina per diagnosticare le malattie

La Bill & Melinda Gates Foundation che festeggia i suoi 10 anni, grazie al suo progetto Grand Challenges in Global Health, ha sempre sostenuto e finanziato, grazie a delle borse di studio, le migliori idee sviluppate per risolvere i vari problemi di salute che affliggono il mondo. Attraverso la sua fondazione, Gates ha investito in aree che altri avrebbero evitato, come ad esempio nuovi tipi di servizi igienici, batterie che funzionano grazie all’urina umana, preservativi che offrono una migliore protezione contro le malattie a trasmissione sessuale.

Giovedì, la fondazione ha lanciato una nuova sfida, creare un nuovo dispositivo che esegue rapidamente la diagnosi per l’HIV, la tubercolosi, la malaria e altre malattie analizzando campioni di sangue, saliva, un apparecchio che possa essere utilizzato ovunque senza limiti. Tutto questo sembra qualcosa di molto futuristico e quasi impossibile da realizzare, ma sono già pronti 10 milioni di dollari per il vincitore che vincerà questa sfida, che verranno assegnati nel 2016.

Bill Gates ha condiviso una foto di quello che potrebbe essere il dispositivo su cui gli scienziati lavoreranno, che a prima vista assomiglia molto ad una stampante 3D ma che presenta nella parte bassa una zona dove inserire i campioni da analizzare e nella parte alta un display dove poter visualizzare la diagnosi.

stratos-protype

Sono cinque le squadre che lavorano sulla sfida – spiega Bill Gates – e questo dispositivo nella foto è stato realizzato da una società che opera nel settore della salute la Stratos con sede a Seattle. Oggi sappiamo – continua Bill – che è tecnicamente possibile costruire un dispositivo di questo tipo e che ci sono partner pronti a contribuire.

Il progetto è davvero avveniristico, le domande e i dubbi a riguardo sono davvero tanti, che vanno dai costi alla possibilità di essere utilizzati in aree dove l’assistenza medica è davvero bassa. L’atteggiamento di Bill Gates a proposito è davvero positivo dichiarando che se questa idea avrà successo sarà fantastico ma allo stesso tempo se andrà male saremo tutti delusi. Se lungo questo progetto – conclude Gates – troveremo un vicolo cieco, non dovremo scoraggiarci ci sono sempre molte altre strade ancora da esplorare. Un buon consiglio per chi ha tra le sue idee un progetto difficile da realizzare.

Fonte | venturebeat

Microsoft: ecco la batteria che dura una settimana!

Microsoft: ecco la batteria che dura una settimana!

Tutti coloro che sono in possesso di uno smartphone si rassegnano all’idea che ogni giorno devono collegare il telefono alla presa di corrente per non rimanere senza autonomia. I più sbadati invece si portano nella loro ventiquattro ore un carica batterie in caso di emergenza. Questa routine quotidiana potrebbe presto cambiare, molte aziende infatti stanno lavorando sulla realizzazione di batterie che durino più di un giorno e tra queste società troviamo Microsoft, il colosso creato da Bill Gates, che con una nuova tecnologia in fase di sviluppo, potrebbe preso realizzare un dispositivo con maggiori prestazioni e soprattutto con un consumo ridotto della batteria.

Grazie allo sviluppo di nuovi componenti hardware e software, Microsoft sta mettendo a punto un telefono, la cui batteria avrà una durata di una settimana. Impossibile, voi direte, ma è tutto vero! Presentata da Ranveer Chandra, lunedì al Digital Summit di San Francisco, i nuovi cellulari avranno al loro interno due piccole batterie al litio, anzichè una grande. Con questo tipo di configurazione alcuni software sviluppati per questa applicazione ottimizzeranno il passaggio di energia nello smartphone, in particolare con applicazioni di giochi oppure durante il collegamento a internet. Grazie a questo il team di Chandra è riuscito ad incrementare le prestazioni della batteria del 20-50%.

Purtroppo queste tecnologie non sono ancora disponibili e non resta che aspettare, ma molto presto potremo dimenticarci del carica batterie e della paura che il telefono si scarichi proprio quando ne abbiamo più bisogno.

Fonte | bgr

Addio Nokia, si chiamerà Microsoft Mobile

Addio Nokia, si chiamerà Microsoft Mobile

Il marchio Nokia sembra giunto al capolinea, successivamente all’acquisizione di Nokia Devices and Services da parte di Microsoft la denominazione originale della società Nokia Oyj sarà cambiata in Microsoft Mobile Oy, convertento  l’azienda di dispositivi mobile finlandese in una sussidiaria del colosso di Bill Gates. La chiusura dell’accordo, stipulato mesi fa, che ammomontava alla cifra di 5,44 miliardi di euro avverrà il 25 aprile ma il cambio di nome è stato comunicato in anticipo tramite un documento da parte dell’azienda finlandese ai propri fornitori.

nokia-microsof

Nel testo inviato si legge infatti che in funzione delle condizioni di vendita, Microsoft acquisirà diritti, benefici e obblighi di Nokia Devices and Services, compresi i contratti di Nokia effettuati con: fornitori, clienti e partner. Continunando poi nella lettura del docomento si legge che al momento della conclusione del passaggio da Nokia a Microsoft il nome dell’azienda Nokia Corporation/Nokia Oyj diventerà Microsoft Mobile Oy.