carta di credito

Privacy.com: crea la tua carta di credito usa e getta

Privacy.com: crea la tua carta di credito usa e getta

Negli Stati Uniti, quasi il 70% dello shopping viene fatto online mediamente almeno volta al mese. Un’azione che per certi versi può essere considerata come di routine ormai vista la frequenza di utilizzo. Purtroppo insieme a questa abitudine va ad aggiungersi un problema molto importante: la sicurezza nel pagamento. La paura di pagare online con la propria carta di credito è molto diffusa, inserire il numero di carta di credito su un sito di e-commerce non viene accettato da tutti. Privacy.com, un interessante servizio negli Stati Uniti, nato proprio per questo scopo: ridurre i  timori dei consumatori nell’effettuare un acquisto online tramite carta di credito.

Utilizzando infatti la funzione Pay with Privacy verrà creata una carta di credito digitale monouso o usa e getta se preferite per effettuare solo e soltanto quel pagamento online. Grazie infatti ad un generatore casuale di numeri di carta di credito dal sito Privacy.com creerà la carta di credito poi, tramite un semplice plugin per il browser (Firefox o Chrome), oppure sul vostro iPhone sarà possibile effettuare il pagamento. Una volta utilizzata la carta di credito digitale si autodistruggerà evitando un possibile rischio di furto.

Iscriversi a Privacy.com è molto semplice, unavolta creato l’account basterà collegare la vostra banca al sito. Fatto questo sarà possibile utilizzare Privacy.com e creare un numero illimitato di carte di credito nel momento in cui dovremo fare un acquisto online. Oltre a questo il nuovo servizio permetterà di creare delle carte di credito dedicate in funzione del tipo di utilizzo, come ad esempio una scheda solo per l’abbonamento Netflix abbonamento, o per i vostri acquisti su Amazon. Oltre ad avere una carta di credito usa e getta Privacy.com ha voluto inserire anche l’autenticazione a due fattori, lo stesso sistema di sicurezza anti frode utilizzato da care di credito come Visa o Mastercard.

Privacy.com ha solo un piccolo difetto è attualmente disponibile solo negli Stati Uniti, non è possibile sapere quando e se arriverà in Europa e quindi in Italia. Sicuramente si tratta di un prodotto interessante che potrebbe davvero invogliare le persone contrarie al pagamento online ad effettuarne. Come detto però il servizio non è attivo in tutto il mondo e non potremo sfruttare la sua comodità.

 

Plastc: la carta di credito universale

Plastc: la carta di credito universale

Avere il portafoglio spesso strapieno e sicuramente scomodo, soprattuto da tenere in tasca potrebbe, un recente progetto potrebbe però essere un’interessante soluzione a questo piccolo problema. Stiamo parlando di Plastc, un dispositivo che secondo i suoi realizzatori sostengono può sostituire la maggior parte delle carte di credito, carte regalo, carte fedeltà. Plastc funziona abbinata con un applicazione che comunicherà via Bluetooth i dati di pagamento, e prevede l’archiviazione di tutte le tue carte, anche se per il momento è previsto un massimo di 20, l’applicazione registra inoltre la cronologia delle transazioni.

plastc lede

Oltre a visualizzare i dettagli della carta tramite il display touchscreen e-ink, Plastc può anche mostrare codici a barre oppure i dati dell carte regalo e per garantire un alto livello di sicurezza sarà possibile cancellare da remoto i dati in caso di smarrimento o furto del dispositivo. In caso di smarrimento la carta lampeggerà avvisando chi l’ha ritrovata di restituirla. La carta visualizzerà poi il nome, la foto e la firma con il vostro numero di carta come forma di identificazione.

In passato era stato realizzato un dispositivo simile chiamato Coin, che veniva lanciato nel 2013 e proprio come Plastc, permetteva di memorizzare i vari dati della carta. Successivamente poi al lancio Coin, che aveva promesso di spedire le prime unità quest’anno, ha trasferito la propria ad ETA nella primavera 2015, una decisione che non ha reso felici i clienti che l’avevano acquistata in pre-ordine. A questo punto, visti gli sviluppi, ci si chiede se una società così sconosciuta sarà in grado di fare ciò che ha sviluppato Coin.

Se Plastc e Coin si diffonderanno sul mercato, il primo potrebbe però avere il sopravvento sul secondo visto il chip integrato che ne rende difficile la clonazione. Gli Stati Uniti infatti accetteranno solo carte con quei chip dal 2015, rendendo Coin obsoleto non sarà lanciato. Plastc è ora disponibile in pre-ordine dal suo sito al costo di 155 dollari, 55 dollari in più rispetto a Coin e potrebbe essere consegnata nell’estate del 2015.

Fonte | engadget

 

Apple iPhone 6: tecnologia NFC in arrivo

Apple iPhone 6: tecnologia NFC in arrivo

Dopo anni di articoli dove si diceva che la tecnologia NFC, protocollo per i pagamenti tramite smartphone, sembra ormai aver raggiunto la fine sta per ricevere una nuova spinta e ripartire. Tutto questo riprenderà vita il 9 settembre dove nel nuovo iPhone 6 disporrà della nuova tecnologia. Apple ha infatti raggiunto un accordo per questo tipo di pagamento con American Express, Visa e MasterCard. Ormai da tempo Android supporta la tecnologia NFC, e la palla in questo momento è nelle mani di ogni singolo commercianti che dovrà adeguarsi alla nuova tecnologia per poter permettere questo tipo di pagamenti. Pensando al nostro paese possiamo starne certi che servirà molto tempo per questo cambio che potremmo definire di mentalità.

La scorsa settimana sul Daring Fireball di John Gruber, veniva suggerito il protocollo NFC come una tecnologia sicura dove memorizzare le carte di credito, in modo da poter pagare la merce nei negozi al dettaglio, aggungendo che i pagamenti mobili saranno possibili anche con nuovo iWatch. Apple per aumentare ulteriormente la sicurezza nei pagamenti tramite NFC dispone già sull’attuale iPhone 5s, di ottimo sistema: la possibilità di memorizzare le impronte digitali. A proposito di questo in una delle varie conferenze di Tim Cook ricordiamo una sua dichiarazione dove annunciava che l’autenticazione tramite le impronte digitali per effetturare dei pagamenti era uno dei motivi che hanno spinto Apple a svilluppare il Touch ID.

Fonte | cultofmac

ChargeCase: trasforma il tuo iPhone in carta di credito

ChargeCase: trasforma il tuo iPhone in carta di credito

I pagamenti su rete mobile si stanno sempre più diffondendo, saranno sicuramente il mercato del futoro. Grazie a LoopPay, che ha realizzato ChargeCase, una particolare cover con batteria per iPhone 5 e iPhone 5s che permette di memorizzare la firma magnetica, al suo interno, per effettuare i pagamenti con carta di credito, un prodotto due in uno insomma.

Al costo di 99 dollari è possibile avere ChargeCase ai quali però bisogna aggiungere 39 dollari per il Fob, che può essere collegato ai dispositivi iPhone e Android attraverso l’entrata audio. Importante notare che, per un periodo di tempo limitato, comprando la cover ChargeCase, gli utenti riceveranno gratuitamente anche il Fob. Strisciando le carte di credito e le carte fedeltà attraverso la Fob sarà possibile salvare i propri dati nell’applicazione LoopPay, così da poter utilizzare le carte nei successivi acquisti. La tecnologia LoopPay genera un campo magnetico appoggiando sopra la carta di credito simulando la famosa strisciata.

looppay-1-520x520

La batteria ChargeCase copre il 60% della carica del dispositivo, non molta se per caso la dovessimo utilizzare tutto il giorno ma, toglie l’ingombro di portare le nostre carte di credito sempre i tasca. In questo modo, avremo la possibilità di memorizzare le carte che non vogliamo portare in giro, considerando però di avere in tasca un dispositivo molto più grosso e più pesante.

Fonte | thenextweb

Safari su iOS 8: riconoscimento della carta di credito

Safari su iOS 8: riconoscimento della carta di credito

Il nuovo sistema operativo per dispositivi portatili iOS 8 di Apple è stato lanciato e una per una vengono presentate e analizzate le nuove funzionalità inserite da Cupertino nell’ottava edizione del software. Tra le tante novità interessanti troviamo la nuova funzione di cui dispone Safari che consente agli utenti di eseguire la scansione di una carta di credito utilizzando la fotocamera del dispositivo, invece di immettere manualmente il numero come facciamo oggi nel momento in cui si effettua un acquisto online.

Quando si inserisce un numero di carta di credito per effettuare un acquisto, Safari mette già a disposizione degli di selezionare rapidamente le carte di credito tra quelle memorizzate in automatico e anche in iOS 8 è ancora possibile farlo, ma in più ci sarà la funzione di scansione della carta di credito per inserire i dati. Gli sviluppatori di siti web non dovranno fare nulla per abilitare questa funzione, Safari dovrebbe infatti rilevare automaticamente quando viene richiesto un numero di carta di credito e presentare l’opzione di scansione sopra la tastiera.