cina

I social network nel mondo: ecco la mappa

I social network nel mondo: ecco la mappa

Ogni anno nel mese di giugno e dicembre, il social media strategist Vincenzo Cosenza, pubblica sul suo sito la mappa dei social network nel mondo, mettendo in evidenza, in funzione di come si stanno diffondendo i social nel mondo, qual è il social più utilizzato in ogni stato. L’ultimo aggiornamento, pubblicato in questi giorni è aggiornato al mese di luglio di quest’anno. Gli ultimi dati rilvati dicono che Facebook oggi è il primo social in 130 dei 137 stati monitorati da Alexa in tutto il mondo. Anche se i dati sono parziali e non riguardano tutti gli stati questo nuovo aggiornamento non lascia dubbi al fatto che la crescita di Facebook è davvero in arrestabile.

Nel precedente rapporto pubblicato a dicembre 2013, il social di Zuckerberg era primo in 128 paesi, sei mesi più tardi ha conquistato la Lettonia, sorpassando il social network locale Draugiem, e la Repubblica di Moldavia, dove precedentemente Odnoklassniki era il primo social. Il superamento di Facebook in quest’ultima nazione nazione potrebbe dare il via alla diffuzione anche negli stati vicini dove i social V Kontakte e Odnoklassniki hanno sempre mantenuto il primo posto.

Nei primi sei mesi del 2014 Facebook ha aggiunto altri 89 milioni di utenti attivi arrivando all’enorme cifra di 1,317 miliardi di utenti mensili suddivisi in:

  • 204 milioni di statunitensi e canadesi
  • 292 milioni di europei
  • 410 milioni di asiatici
  • 362 milioni i restanti cittadini di tutte le altre zone del mondo

Facebook, sembra non fermarsi davvero più ma c’è ancora una zona che per Zuckerberg è ancora impenetrabile, stiam parlando della Cina dove QZone è ancora il primo social network vantando l’importante cifra di 645 milioni di utenti, con al secondo posto Siina Weibo, il clone cinese di Twitter con 503 milioni di utenti.

Ecco l’immagine animata dell’evoluzione dei social negli ultimi anni:

wmsn_animated_jul14_690

Fonte e immagini | vincos

 

Cortana: inizia la distribuzione

Cortana: inizia la distribuzione

Cortana, l’assistente personale in Windows Phone, come spiega con un rapido tweet Marcus Ash, program manager del gruppo di Cortana in casa Microsoft, entro poche settimane sarà disponibile a tutti gli utenti nel Regno Unio e in Cina, come spiega anche il tweet del program manager del gruppo di Cortana in casa Microsoft.

Il nuovo software di assistenza vocale, che farà concorrenza a Siri e Google Now, è attualmente è disponibile solo per gli utenti Americani, Ash spiega che Microsoft è completamente focalizzata sullo sviluppo del servizio per i dispositivi Windows Phone e aggiunge che prima di fare qualsiasi altra cosa dobbiamo devono attivare Cortana a più clienti possibili. In una altra dichiarazione inoltre, riportata sul blog di Microsoft, ha sottolineando che i lanci d’oltre oceano sono priorità assoluta per Cortana.
Fonte | thenextweb
La Cina vieta Windows 8 sui nuovi computer governativi

La Cina vieta Windows 8 sui nuovi computer governativi

Windows 8, il tanto chiaccherato sistema operativo di Microsoft, siamo sinceri non conquistato tutti e ancora oggi molti sono scettici sulla sua funzionalità a causa delle scelte discutibili fatte dalla società. L’ennesima notizia sul prodotto Microsoft arriva in queste ore dalla Cina, dove lo stato, in un avviso pubblicato alla fine della scorsa settimana, ha vietato l’installazione di Microsoft Windows 8 sui nuovi computer governativi. L’agenzia statale Xinhua ha recentemene dichiarato che la scelta è legata alla sicurezza del sistema e di garantire che in futuro lo stato non sia lasciato senza aggiornamenti di sicurezza, come è appena successo con la chiusura di Windows XP .

Windows XP è ampiamente usato in Cina, il 70 del paese utilizza questo sisema operativo Microsoft ha dichiarato che continuerà ad aggiornare i suoi prodotti per garantire la sicurezza fino al 14 luglio 2015, ma ha anche comunicato che il sistema operativo non è più completamente sicuro. Il governo cinese davanti a tutto questo non si sente al sicuro e ha paura di dover affrontare gli problemi di sicurezza simili con Windows 8 in futuro, quando Microsoft deciderà di chiudere anche questa versione.

Per questo Xinhua sta pensando di cambiare completamente sistema e sviluppare un proprio sistema operativo basato su Linux. Questo sarà senza dubbio è un duro colpo per Microsoft, anche se riguarda solo i computer del governo, perchè la società sta attualmente investendo molto nelle imprese cinesi e questa decisione potrebbe essere una cattiva immagine per il colosso americano. 

Fonte | thenextweb

Stampa 3D: realizzate 10 case in un giorno

Stampa 3D: realizzate 10 case in un giorno

Sono davvero tante le cose che si possono realizzare con una stampante 3D visti gli ultimi sviluppo di questa tecnologia. Oggi a questa lunga lista possiamo aggiungere la possibilità realizzare una casa nel tempo record di un giorno. La realizzazione di questa casa è opera della Winsun Decorazione Design Engineering Co., societa cinese che ha stampato 10 case in 24 ore utilizzando materiali riciclati.

Questo non è il primo tentativo di stampa di grandi strutture realizzate con la stampa 3D, anche alcuni ricercatori in California stanno sviluppando una stampante che può costruire una casa in 24 ore. Anche ad Amsterdam all’inizio di questo mese hanno avviato un progetto per la costruzione di una casa in 3D, in questo caso però realizzata in mattoncini di plastica che si incastrano come le costruzioni Lego costruita in queso caso direttamente sul posto.

3d_pieces2

Le case cinesi invece non sono state costruite sul luogo dell’installazione ma in uno stabilimento. Una volta quindi stampati i vari pezzi sono state poi assemblate nel quartiere Qingpu di Shanghai. I pezzi di queste case sono realizzati con materiali di costruzione riciclati e rifiuti industriali cosi da formare un composto simile al cemento. La stampante 3D utilizzata per costruire le case è lunga 500 metri , larga 33 metri e alta 20 metri. Ogni casa costa circa 4800 dollari.

Fonte | businnessinsider

 

Gli utenti Facebook potrebbero superare la popolazione cinese nel 2015

Gli utenti Facebook potrebbero superare la popolazione cinese nel 2015

La crescita degli utenti su Facebook sembra non fermarsi più, tutti dicevano che prima o poi avrebbe avuto uno stop oppure una diminuzione di utenti, ma visti gli ultimi dati molti si devono ricredere. Sicuramente condividendo in rete una notiza del genere creavano interesse, non c’è dubbio, ma se guardiamo gli ultimi dati condivisi il social più grande del mondo sembra non fermarsi più.

Se gli utenti di Facebook continueranno a crescere al ritmo attuale, potrebbero superare il numero di abitanti della Cina, il paese più popoloso del mondo, entro il 2015. Il grafico riportato sotto aiuta ad capire meglio la crescita impressionante del social network analizzando i dati della Q4 pubblicata martedì. Ancora più impressionante pensare che questi dati non comprendono gli utenti di Facebook inattivi o che accedono raramente, sono compresi solo gli utenti che accedono almeno una volta al mese.

La Cina ha recentemente revocato il divieto di Facebook in Shanghai, questo che significa che solo le persone all’interno della zona di 17 miglia quadrate possono accedere alla rete sociale. L’Asia è il continente con il maggior numero di utenti di Facebook  368 milioni per la precisione rispetto a Stati Uniti e Canada che ne hanno 201 milioni. Il grafico qui sotto, realizzato da Statista, paragona numero di utenti e la crescita di Facebook per le popolazioni di Cina e India, dimostrando che Facebook è il social network ideale per la comunicazione globale.

2014_01_30_Facebook

Fonte | mashable