condivisione

#WorldCup: racconta i mondiali 2014 in Brasile su Twitter

#WorldCup: racconta i mondiali 2014 in Brasile su Twitter

Nuovo video per Twitter e nuovo hashtag che il social suggerisce ai suoi utenti per raccontare tutti i momenti del prossimo evento che inizierà a giorni in Brasile: la coppa del mondo di calcio. #WordCup, per raccontare ogni partita, ogni momento ogni secondo di questo evento che ci unisce ogni quattro anni. Così dice la descrizione del nuovo video appena pubblicato su YouTube. Non ci resta che twittare e metterci #WorldCup come hashtag per entrare tra le tendenze del social dell’uccellino Larry.

Ecco il video: #WorldCup on Twitter: Love every second – #WorldCup su Twitter: ama ogni secondo

Ecco invece #Copa2014 no Twitter: Ame cada segundo la versione in portoghese con #Copa2014 come hashtag:

Fonte | twitter channel

Trasforma il tuo iPhone in uno stetoscopio

Trasforma il tuo iPhone in uno stetoscopio

I prodotti Apple, vengono spesso trasformati in accessori da utilizzare in campo medico. Sperro questi strumenti vengono utilizzati da persone del settore così che molte aziende stanno sviluppando prodotti e applicazioni che possono essere utilizzate dai medici nell’esercitare la loro professione. La notizia curiosa che riguarda proprio un accessorio medico riguarda un ragazzo di 15 anni che ha sviluppato un accessorio che trasforma un iPhone in uno stetoscopio.

Suman Mulumudi, questo il nome dell’inventore è uno studente di 15 anni, con l’aiuto del padre cardiologo, ha sviluppato un accessorio che tramite una serie applicazioni dedicate  convertirà un iPhone in uno stetoscopio, funzionante come la versione che tutti conosciamo. Il principio di funzionamento di questo accessorio è basato su una membrana molto sensibile che rileva il battito cardiaco e lo invia al microfono dell’iPhone. Un’applicazione realizzata da Suman, registra il suono in arrivo dall’accessorio visualizzandoli sul display del melafonino permettendo al medico di analizzarli. I risultati, possono essere ovviamente salvati e come per ogni buona app social compatibile possono essere condivisi, audio compreso.

Ecco il video di presentazione dello stetoscopio per iphone:

Fonte | redmondpie

Moves per iPhone: modificata politica sulla privacy

Moves per iPhone: modificata politica sulla privacy

Moves un applicazione per controllare l’attività fisica è stata recentemente acquistata da Facebook. L’acquisizione da parte di Menlo Park ha portato alcuni vantaggi interessanti all’applicazione come per esempio il fatto di renderla immediatamente gratuita ma, come molti temevano , la società ha anche modificato la le regole sulla privacy. Per consentire una maggiore condivisione e di conseguenza un maggiore flusso di informazioni anche dal punto di vista della publicità Moves è adesso collegata a Facebook come era prevedibile tutti i dati di ogni singolo utente sono a disposizione per eventuali campagne di marketing realizzate dalle società collegate al social numero uno al mondo.

L’introduzione di queste nuove regole potrebbero non piacere a molti utenti Moves, vedere i propri dati condivisi in rete e magari dati in pasto a società di marketing collegate a Facebook non è proprio il massimo dobbiamo dirlo. Va detto anche che tra i tanti utenti che sono a favore della condivisione dei contenuti, ci sarà anche chi apprezzerà questo nuovo modo di condivisione e poca protezione. E tu da che parte stai? Meglio una protezione dei propri dati oppre una condivisione completa?

Fonte | theverge

 

A Simple #CoffeeBreak – The last week #4

A Simple #CoffeeBreak – The last week #4

Eccoci qua con A Simple CoffeeBreak – The last week, il solito appuntamento di inzio settimana dove raccogliamo tutto quello che abbiamo pubblicato la scorsa settimana.  Non sono stati gli argomenti trattati negli scorsi giorni, ci siamo principalmente soffermati su un argomento in particolare che nei giorni successivi alla pubblicazione si è rivelata una bufala. Verificati le fonti e l’attendibilità della notizia abbiamo pubblicato una rettifica. Nei giorni successivi abbiamo parlato dell’avvenieristo Project Ara di Google e del suo smartphone componibile e infine di uno specchio che realizza i selfie in automatico, giusto per rimanere in tema con il nostro argomento principale della settimana.

Buona lettura e soprattutto buona settimana a tutti!!

 

 

 

 

Selfie: lo specchio che scatta e condivide su Twitter

Selfie: lo specchio che scatta e condivide su Twitter

Sull’onda delle tante notizie pubblicate in questi giorni su cosa sia un selfie e se può o meno essere un disturbo oggi vogliamo condividere con voi un post che parla di uno strumento per effettuarli nella maniera più corretta. Come possiamo intuire un fattore che influenza la buona riuscita di un selfie è la lunghezza del vostro braccio, può essere un fattore irrilevante ma in una foto la distanza di inquadratura è importante.

L’ideale in una foto in primo piano sarebbe farla scattare da un’altra persona ma a questo punto non sarebbe più in selfie e quindi perderebbe il senso di tutto. Un’alternativa potrebbe essere quella di effettuare una foto allo specchio ma in questo caso si vedrebbe il telefono e ovviamente il braccio insomma non proprio una bella foto. Il problema potrebbe essere risolto con S.E.L.F.I.E., uno specchio che scatta in automatico le foto e le posta su Twitter.

Il progetto è stato sviluppatao dalla iStrategyLabs ed è composto da un mini Mac nascosto al suo interno, uno specchio, una web cam e una serie di luci a LED incorporate dietro lo specchio. Il software di riconoscimento facciale installato sul computer riconosce e avvia il processo realizzando la foto, le luci LED si avvendereanno indicando quale zona sarà parte della foto. Effettuato il selfie e inserito il logo della società la foto verrà condivisa in automatico su Twitter. Sebbene S.E.L.F.I.E. sia solo un esperimento, è possibile contattare iStrategyLabs per acquistarne uno.

Ecco il video realizzato dalla società che spiega il funzionamento dello specchio:

Fonte | mashable