dispositivo

Bill Gates: una nuova macchina per diagnosticare le malattie

Bill Gates: una nuova macchina per diagnosticare le malattie

La Bill & Melinda Gates Foundation che festeggia i suoi 10 anni, grazie al suo progetto Grand Challenges in Global Health, ha sempre sostenuto e finanziato, grazie a delle borse di studio, le migliori idee sviluppate per risolvere i vari problemi di salute che affliggono il mondo. Attraverso la sua fondazione, Gates ha investito in aree che altri avrebbero evitato, come ad esempio nuovi tipi di servizi igienici, batterie che funzionano grazie all’urina umana, preservativi che offrono una migliore protezione contro le malattie a trasmissione sessuale.

Giovedì, la fondazione ha lanciato una nuova sfida, creare un nuovo dispositivo che esegue rapidamente la diagnosi per l’HIV, la tubercolosi, la malaria e altre malattie analizzando campioni di sangue, saliva, un apparecchio che possa essere utilizzato ovunque senza limiti. Tutto questo sembra qualcosa di molto futuristico e quasi impossibile da realizzare, ma sono già pronti 10 milioni di dollari per il vincitore che vincerà questa sfida, che verranno assegnati nel 2016.

Bill Gates ha condiviso una foto di quello che potrebbe essere il dispositivo su cui gli scienziati lavoreranno, che a prima vista assomiglia molto ad una stampante 3D ma che presenta nella parte bassa una zona dove inserire i campioni da analizzare e nella parte alta un display dove poter visualizzare la diagnosi.

stratos-protype

Sono cinque le squadre che lavorano sulla sfida – spiega Bill Gates – e questo dispositivo nella foto è stato realizzato da una società che opera nel settore della salute la Stratos con sede a Seattle. Oggi sappiamo – continua Bill – che è tecnicamente possibile costruire un dispositivo di questo tipo e che ci sono partner pronti a contribuire.

Il progetto è davvero avveniristico, le domande e i dubbi a riguardo sono davvero tanti, che vanno dai costi alla possibilità di essere utilizzati in aree dove l’assistenza medica è davvero bassa. L’atteggiamento di Bill Gates a proposito è davvero positivo dichiarando che se questa idea avrà successo sarà fantastico ma allo stesso tempo se andrà male saremo tutti delusi. Se lungo questo progetto – conclude Gates – troveremo un vicolo cieco, non dovremo scoraggiarci ci sono sempre molte altre strade ancora da esplorare. Un buon consiglio per chi ha tra le sue idee un progetto difficile da realizzare.

Fonte | venturebeat

Project Ara: gli ultimi aggiornamenti sullo smartphone modulare di Google

Project Ara: gli ultimi aggiornamenti sullo smartphone modulare di Google

Il lancio dello smartphone modulare di Google è in programma, dichiara PhoneBlocks, nei primi mesi del 2015 dopo essere stato presentato in occasione della seconda conferenza degli sviluppatori Ara nel mese di dicembre al Google I/O. Ma quali sono le caratteristiche di Project Ara, quali sono le potenzialità di questo interessante progetto? Il direttore di Project Ara Paul Eremenko ha voluto spiegare cosa realizzerà Google in un recente discorso.

Gli smartphone modulari di Project Ara disporranno di una versione modificata di Android L, l’ultima versione del sistema operativo realizzata da Google, che verrà diffuso su tutti i dispositivi prossimamente. Si tratta sicuramente di un dettaglio importante l’avere a disposizione l’ultima release del sistema operativo. Ancora più interessante all’interno di Project Ara sono i moduli hotswap, che potranno essere tolti e sostituiti senza spegnere il dispositivo.

Unica condizione che comporta lo spegnimento la sostituzione del processore o del display. La possibilità di sosituire il modulo è molto interessante a livello pratico, permettendo all’utente una grande flessibilità nella sostituzione e aggionamento del dispositivo. Google con Project Ara punta proprio a questo, mettere a disposizione dell’utilizzatore un telefono completamente aggiornabile nel tempo, permettendogli di sostituire il modulo obsoleto e non tutto il dispositivo come avviene oggi.

project ara modular

I moduli, una volta commercializzato il telefono saranno disponibili online in un negozio simile al Play Store. PhoneBlocks, oltre alla rivelazione sulla data di lancio ha aggiunto che molti partner, tra cui Quanta, Toshiba, Rockchip, Foxconn, Laird Technologies e Array Labs stanno lavorando con Google su Project Ara. BigG ha dichiarato inoltre che con Laird e Array  è in corso lo sviluppo di moduli con caratteristiche innovative mai viste prima. A questo punto non resta che aspettare per vedere cosa ci porterà tra le mani Project Ara, un dispositivo che potrebbe davvero cambiare e rendere flessibile il mondo degli smartphone.

Fonte | bgr

Apple Watch: impermeabile ma non troppo

Apple Watch: impermeabile ma non troppo

Apple ha presentato la nuova linea di prodotti mobile “magici”, ma la società ha lasciato molte domande senza risposta come per esempio se l’ormai famoso Apple Watch sarà impermeabile e resistente all’acqua. Durante una dimostrazione però il dispositivo viene spruzzato con acqua, il che implica che vi sia almeno un certo grado di sopportazione all’acqua, notizia confermata anche da David Pogue. Il dispositivo – spiegato durante un Apple Watch briefiing – resiste a sudorazione, indossato sotto la pioggia, lavarsi le mani, oppure cucinare, ma meglio toglierlo prima di nuotare o lavarsi sotto la doccia

Va considerato che, togliere il vostro Apple Watch significherà che quando si metterà di nuovo dovrete reinserire il PIN per i pagamenti wireless. La funzione di sicurezza biometrica di Apple Pay è una combinazione di PIN e pelle, finché l’orologio sa che è sul polso, dove può rilevare i battiti cardiaci oppure determinare la sua posizione, consente di pagare, semplicemente avvicinando il dispositivo a un terminale NFC compatibile, senza bisogno di riinserire il codice PIN. Piuttosto che avere l’orologio con voi sotto la doccia, sarebbe meglio posizionare Apple Watch sul suo supporto di ricarica, in quanto il dispositivo dovrà essere ricaricato ogni giorno.

Fonte | bgr

iPod Classic: addio ad un lettore ancora molto utilizzato

iPod Classic: addio ad un lettore ancora molto utilizzato

Il famosissimo iPod Classic, il giganesco lettore musicale, dopo 1826 giorni dall’ultimo aggiornamento software è stato rimosso dal negozio on-line. In tutta sincerità questo iPod non è mai entrato in grande sintonia con i clienti e per questo non viene ricordato come un dispositivo eccezionale. La linea iPod ha visto un forte calo delle vendite con iPod Classic, che si è ripresa poi con la nascita della versione touch che rappresenta il 50% delle vendite, seguito da Shuffle e Nano.

Al di la di questa rimozione iPod Classic è ancora molto utilizzato grazie alla durata della batteria e al grande spazio di archiviazione, caratteristiche per per esempio non sono disponibili su iPod Touch. iPod Classic è stato rimosso e a quanto pare non la vedremo mai più, ma tanti utenti proprio per alcune sue caratteristiche interessanti lo continueranno ad utilizzare. Sarebbe stato bello vedere un nuovo aggiornamento come per esempio la sincronizzazione wireless ma Apple ha deciso così chiudendo definitivamente.

E tu utilizzi ancora il vecchio iPod Classic magari poco smart ma con molta praticità?

Fonte | technobuffalo

iPhone 6: quando la vendita?

iPhone 6: quando la vendita?

La notizia è sicura Apple presenterà il nuovo iPhone 6 il 9 settembre 2014, ma a questo punto è giusto chiedersi, quando sarà messo in vendita? Le prime voci diffuse in rete parlano di 10 giorni dopo la sua presentazione, e più precisamente venerdì 19 Settembre, giorno nel quale sarà possibile effettuare un preordine dello smartpgone almeno nei Paesi Bassi.

Alcuni siti come iPhonez.nl confermano che per il nuovo iPhone 6 le vendite inizieranno il 19 di questo mese al prezzo di 699€ per quello che sarà probabilmente il modello più alto. Il sito menziona anche un’ offerta di lancio di 55 €. Ancora, però, non sono stati presentati i due modelli di iPhone 6 e va considerato che non è ancora sicuro che il modello da 5,5 pollici sarà messo in vendita insieme al modello da 4,7 pollici. L’anno scorso, i due nuovi iPhone 5s e 5c sono stati svelati il 10 settembre e solo il modello 5c era stato reso disponibile il pre-ordine tre giorni dopo, invece per quanto riguarda il 5s, Apple non ha voluto offrire preordini. Entrambi i telefoni, però, sono stati messi in vendita insieme il venerdì 20 settembre, 10 giorni dopo.

Se i calcoli sono giusti e Cupertino rispetterà la tempistica del precedente modello i nuovo iPhone 6 che verranno presentati il 9 settembre verranno commercializzati dieci giorni dopo il lancio. L’attesa è tanta e magari essere a conoscenza di questi termini potrebbe tranquillizzare chi vive questa attesa come un evento molto molto importante.

Fonte | cultofmac

DJ con il tuo smartphone? Usa Openmix

DJ con il tuo smartphone? Usa Openmix

Ti è mai capitato di trovarti ad una festa senza musica e non avere niente a disposizione per rimediare? Una nuova camagna di Crowfounding attiva su Kickstarster, potrebbe darti la soluzione giusta a questo problema trasformandoti rapidamente in un DJ. Openmix, questo il nome del dispositivo permette di mixare i brani musicali da vari dispositivi portatili di qualsiasi tipo, iPhone, smartphone Android, tablet, qualsiasi lettore multimediale e computer portatili. Grazie ad una rotella presente sul dispositivo Openmix permette semplicemente ruotandola di passare da un brano all’altro in un modo davvero semplice.

Openmix grazie alle sue dimensioni ridotte e alla sua semplicità potrebbe diventare un dispositivo da tenere a portata di mano sempre pronto per ogni necessità. Oltre ad essere collegato ai dispositivi mobile Openmix può esser interfacciato con applicazione per DJ realizzata da terze parti così da avere a disposizione una serie effetti sonori per migliorare il mixaggio. La campagna di crowfounding è attualmente attiva su Kickstarter dove però non ha raggiunto obbiettivo di 65000 dollari. Le certezze di una buona riuscita in questo momento non ci sono ma, nel caso il progetto non andasse a buon fine e voleste avere tra le mani Openmix, basterà semplicemente versare 29 dollari. La possibile del dispositivo è prevista per gennaio 2015.

Fonte | engadget

Apple iWatch: ecco quando sarà commercializzato

Apple iWatch: ecco quando sarà commercializzato

A seguito di un rapporto appena pubblicato da ReCode, Apple annuncierà il suo dispositivo indossabile, che secondo varie indiscrezioni si chiamerà iWatch, insieme ai nuovi iPhone 6 durante l’evento in programma il 9 di settembre. Il nuovo dispositivo a differenza di quanto tutti si aspettavano non sarà però disponibile quest’anno. Ma allora quando potremo avere al polso i tanti atteso dispositivo indossabilo? Non è ancora chiaro, ma sarà improbabile vederli in vendita entro l’anno, le ultime notizie parlano dell’estate 2015.

A maggiore conferma di questo ritardo, anche l’analista Ming-Chi Kuo di KGI Securetis ha pubblicato un rapporto dove spiegava che il nuovo Apple iWatch sarà commercializzato nel 2015. Cosa aspettarsi dal prodotto indossabile di Apple? 9to5Mac ha riferito ampiamente che i prossimi dispositivi si concentreranno su fitness e sul monitoraggio della salute e grazie al app HealtKit e al nuovo iOS 8 che metterà in comunicazione tutti i dispositivi Apple.

Fonte | 9to5mac

Polaroid Cube: un nuovo avversario per la GoPro?

Polaroid Cube: un nuovo avversario per la GoPro?

Polaroid, società molto famosa per le sue fotografie istantanee, fa il suo ingresso nel settore delle videocamere lanciando Cube, una piccola ma resistente fotocamera Full HD. Il nuovo dispositivo presentato dalla società realizza foto video grazie ad un obiettivo grandangolare che copre un’ampiezza di 124 gradi. Cube dispone di una batteria integrata ricaricabile tramite cavo USB e di uno slot per l’inserimento di una scheda micro SD che però non è inclusa.La fotocamera che presenta delle dimensioni davvero ridotte è resistente all’acqua, rendendola quindi una valita concorrente della GoPro.

La nuova Polaroid Cube viene fornita con di serie un magnete inserito nella nella base, così da poter essere fissata a qualsiasi superficie metallica. Compresi nel kit ci sono poi sette supporti supplementari, il più curioso quello che assomiglia a una scimmia. Polaroid sta attualmente accettando preordini per Cube su sito Photojojo.com, per una cifra intorno ai 100 dollari e le spedizioni partiranno dal 20 settembre.

Fonte | mashable

iPhone: attivato il programma di sostituzione del display

iPhone: attivato il programma di sostituzione del display

Alcune indiscrezioni riportate su sito 9to5Mac parlano di un nuovo programma  Apple per quanto la sostituzione dello schermo di un iPhone 5,  5s già dai prossimi giorni,  al massimo entro lunedì 4 agosto. I clienti che vorranno sostituire o riparare lo schermo rotto lo potranno fare ad un costo di  150 dollari;  non è certo a buon mercato, ma è meglio riparare lo schermo oppure comprare un dispositivo nuovo? Apple in questo ultimo periodo ha scelto la strada della riparazione fatta direttamente da le invece di concedere a terzi l’operazioni, nel tentativo di contenere i costi ed evitare l’invio di dispositivi per la sostituizione. In questo momento costa circa 269 dollari sostituire completamente il display di un iPhone 5s, quindi 150 dollari non è poi così tanto in confronto.

Con i nuovi iPhone previsti nel mese di settembre, si spera che il display che va in frantumi sia solo un brutto ricordo grazie al nuovo schermo, in vetro zaffiro, il dispositivo sarà in grado di resistere meglio cadute accidentali e altri pericoli. Ma a questo punto è giusto chiedersi se, con un materiale ultra resistente perchè Cupertino ha attivato un programma di sostituzione che potrebbe essere presto chiuso?

Fonte: technobuffalo

Samsung Galaxy Alpha: sarà presentato il 4 Agosto

Samsung Galaxy Alpha: sarà presentato il 4 Agosto

In linea con quanto condiviso in rete questo mese e successivamente ad alcune foto pubblicate nel corso della scorsa settimana, il nuovo rapporto pubblicato da SamMobile afferma che Samsung presenterà il Galaxy Alpha il 4 agosto. La curiosità di questo dispositivo sta nel posizionamento nella gamma Samsung infatti il nuovo Galaxy Alpha pur essendo un dispositivo realizzato interamente in metallo non sarà classificato come un dispositivo di punta accanto al Galaxy S5, ma come dispositivo di fascia media. Una scelta curiosa che va per esempio contro le politiche dei principali costruttori di smartphone.

Secondo il rapporto pubblicato quindi Samsung lancerà il Galaxy Alpha nel mese di agosto, anticipando i tempi per lasciare un mese di relativa tranquillità e presentare nel mese di settembre il più importante Galaxy Note 4 così da avere tutta l’attenzione sul nuovo prodotto. Dispositivo che in fatto di posizionamento nella gamma della societè è forse il secondo dispositivo più importante accanto alla linea di smartphone Galaxy S. Parlando di caratteristiche tecniche il Samsung Galaxy Alpha secondo le ultime indiscrezioni disporrà di un display da 720 pixel da 4,8 pollici, una memoria interna da 32 GB e il sistema di riconoscimento delle impronte digitali.

Fonte | 9to5google