funzione

Amazon Prime Air: i test continuano

Amazon Prime Air: i test continuano

Amazon ancora non si arrende alla costruzione di droni per la consegna dei suoi articoli nonostante la Federal Aviation Administration disapprovi. In una lettera, scritta direttamente alla FAA, la società cita una legge che permetterebbe di testare i suoi droni al di fuori del territorio di Seattle. Ora Amazon deve utilizzare locali chiusi per collaudare i robot volanti.  Si tratta di un passo necessario per avvantaggiare qualsiasi consumatore che utilizzi Amazon Prime Air e, a questo punto, deve continuare l’ evoluzione di Amazon negli Stati Uniti, ma questo richiede l’esenzione richiesta per il test extraurbano a sostegno del nostro reparto R & D, così Amazon scrive nella sua lettera sostenendo che le prove sarebbero per avvantaggiare i consumatori.

I test sono già stati condotti e Amazon afferma che i suoi droni sono in grado di fornire pacchetti con un peso fino a 5kg  in 30 minuti circa. Se Amazon dovesse ottenere il permesso per il suo nuovo servizio l’azienda Prime Air potrebbe diventare il metodo di consegna preferito. Un drone che consegna un pacco? Niente male!! Che ne dite?

Fonte | tecnobuffalo

iPhone: riduzione dei furti grazie alla funzione di blocco

iPhone: riduzione dei furti grazie alla funzione di blocco

Quando Apple ha introdotto il nuovo sistema antifurto con iOS 7, per aiutare a prevenire il riutilizzo dei dispositivi iOS rubati, molti hanno visto questa nuova funzione come il modo migliore per aiutare aa diminuire i furti smartphone. In realtà, molti concorrenti cercarono di inserire queste caratteristiche nei loro dispositivi mobili. Oggi il New York Times ha rilasciato alcuni nuovi numeri che mostra un calo dei furti iPhone a seguito dell’attivazione della funzione Lock.

Secondo la polizia di New York, i furti che coinvolgono i prodotti Apple sono scesi del 19% nel primo semestre del 2014 rispetto allo stesso periodo nel 2013. Autorità di Londra e San Francisco hanno a disposizione dati ancora più impressionanti, con rispettivamente  il 24% 38% in meno di furti per dispositivi con iOS. Questi dati sono stati raccolti nei sei mesi successivi il rilascio della funzionalità rispetto conforntati poi con i sei mesi immediatamente precedenti al lancio. Tra le notizie pubblicate sul sito avevamo anche riportato un nuovo progetto in partenza per Microsoft e Google per combattere questo problema che visti i dati colpisce molto meno Apple proprio grazie a questa funzione.

Fonte | 9to5mac

iOS 8: ecco la funzione time-lapse in azione

iOS 8: ecco la funzione time-lapse in azione

Continua l’analisi sulle nuove funzioni presenti in iOS 8 e tra le le proprietà nascoste ne troviamo una davvero interessente: la funzionalità time-lapse. Questa funzione, già presente sulle macchine fotografiche reflex che montano un intervallometro, sarà disponibile sulla prossima release del sistema operativo di Cupertino. Ma in cosa consiste questo time-lapse? La nuova funzione inserirta da Apple, permetterà di effettuare una serie di foto ad intervalli di tempo predefiniti che poi verranno successivamente montati in un filmato condensando in un tempo ridotto una sequenza temporale di un periodo più lungo.

Guardate il video. Cosa ne pensate? La voglia di provarlo è sicuramente molta vista la grande potenzialità che la funzione time-lapse permetter di fare. Non resta che aspettare il nuovo iOS 8!

Fonte | 9to5mac

Google Now: ecco la sveglia per i pendolari

Google Now: ecco la sveglia per i pendolari

Sicuramente vi è capitato di viaggiare in treno e di vedere molte persone dormire durante il viaggio. I pendolari fanno questa vita e sicuramente non è delle migliori visti i ritmi della giornata e tutte le varie complicazioni che le nostre amate ferrovie dello stato creano. Google, tra le innumerevoli funzioni e servizi messi a disposizione a livello mondiale vuole dire la sua anche in questo campo inserendo in Google Now una nuova funzione molto utile proprio per i pendolari. La nuova funzione infatti funzionerà proprio come una sveglia per gli utenti che, arrivati quasi a destinazione verranno avvisati tramite un segnale sonoro del raggiungimento della stazione.

Attivata questa funzione molti pendolari potranno dormire tranquilli senza più dover preoccuparsi di non dormire oppure svegliarsi troppo tardi magari alla fermata successiva. Non è chiaro se e quando questa funziona sarà disponibile in Italia perchè Google Now dovrà prima di tutto avere a disposizione l’intera rete ferroviaria per fornire un servizio completo agli utenti.

Fonte | engadget

 

Safari su iOS 8: riconoscimento della carta di credito

Safari su iOS 8: riconoscimento della carta di credito

Il nuovo sistema operativo per dispositivi portatili iOS 8 di Apple è stato lanciato e una per una vengono presentate e analizzate le nuove funzionalità inserite da Cupertino nell’ottava edizione del software. Tra le tante novità interessanti troviamo la nuova funzione di cui dispone Safari che consente agli utenti di eseguire la scansione di una carta di credito utilizzando la fotocamera del dispositivo, invece di immettere manualmente il numero come facciamo oggi nel momento in cui si effettua un acquisto online.

Quando si inserisce un numero di carta di credito per effettuare un acquisto, Safari mette già a disposizione degli di selezionare rapidamente le carte di credito tra quelle memorizzate in automatico e anche in iOS 8 è ancora possibile farlo, ma in più ci sarà la funzione di scansione della carta di credito per inserire i dati. Gli sviluppatori di siti web non dovranno fare nulla per abilitare questa funzione, Safari dovrebbe infatti rilevare automaticamente quando viene richiesto un numero di carta di credito e presentare l’opzione di scansione sopra la tastiera.

HealthKit: supporto nativo per gli accessori bluetooth

HealthKit: supporto nativo per gli accessori bluetooth

HealthKit, la nuova piattaforma Apple per tutte le app legate alla salute presentata con iOS 8, sarà un nuovo centro informazioni a disposizione dell’utente dove potrà memorizzare e condividere i dati sanitari. Cupertino in merito alla compatibilita con altre app ha inserito una compatibilità molto interessante: alcuni accessori Bluetooth funzioneranno nativamente senza bisogno di uno sviluppo specifico. Ciò significa che i produttori di accessori potranno saltare complettamente il processo di sviluppo della loro app per essere compatibili con HealthKit e quindi connettersi automaticamente.

Apple, per permettere questa facilità di connessione, sta utilizzando specifiche ufficiali standard per i dispositivi Bluetooth LE da Bluetooth.org, così da garantire automaticamente una connessione diretta, quindi senza bisogno di modifiche con i  dispositivi che misureranno i seguienti parametri: frequenza cardiaca, pressione, misuarazione del glucosio e termometro. Non solo HealthKit sarà in grado di stabilire automaticamente una connessione con i dispositivi ma, gestirà anche i dati in uscita da queste app salvandole al suo interno permettendo quindi un scambio di informazioni nelle due direzioni.

Apple sta, oltre a questa facilitazione in connessione Bluetooth,  incoraggiando i produttori a costruire altri tipi di accessori che non rientrano nell’ambito dei dispositivi supportati in modo nativo. Apple HealthKit, questo è certo, ma va detto che è nel suo interesse mettere a disposizione più strumenti possibili se vogliono sviluppare al meglio questa nuova sezione legata alla salute.

Fonte | 9to5mac

Twitter: test sulle visualizzazioni di un tweet

Twitter: test sulle visualizzazioni di un tweet

In questo ultimo periodo sentiamo spesso parlare delle sperimentazioni di Twitter e delle nuove caratteristiche che potrebbero arrivare sui nostri dispositivi e computer. Un nuovo test che social network sta effettuando riguarda l’inserimento di una nuova funzione che potrebbe essere molto utile per analizzare meglio i tweet, si tratta della possibilità di sapere il numero di visualizzazioni di un tweet, una funzione poco originale se vogliamo e molto molto simile a quella di Faceboook.

In precedenza queste statistiche erano disponibili solo per gli inserzionisti, è la prima volta che Twitter apre al pubblico questa funzione. Per ora la funzione è disponibile solo per un gruppo di persone selezionate e Twitter non ha detto se e quando inserirà la nuova funzione a tutti li utenti. Se questo aggioramento verrà inserito sarà uno strumento in più per gli utenti per capire se i propri tweet vengono visualizzati oppure no, invogliandoli magari a mettere più impegno nei loro messaggi per cercare di incrementare le visualizzazioni.

twitter-view-counts

Tutto questo può essere molto utile a tanti utenti per capire la visiblità ma, se guardato da un altro punto di vista la nuova funzione potrebbe essere pericolosa. Se un utente ha molti follower ma poca visibilità dei suoi tweet potrebbe in certi casi perdere la voglia di tweettare e quindi ridurre l’utilizzo del social di microblog. Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui Twitter non inserirà presto questo tipo di visualizzazione per tutti gli utenti.

Fonte | ubergizmo

Starbucks aggiunge la mancia digitale sulla sua app per iPhone

Starbucks aggiunge la mancia digitale sulla sua app per iPhone

I clienti Starbucks saranno presto in grado di utilizzare i loro iPhone non solo per pagare per il loro latte mattina. Il prossimo aggiornamento per la app della catena di coffee shop più famosa al mondo permetterà infatti agli utenti di dare una mancia al barista direttamente dall’applicazione. I clienti possono attualmente solo pagare le bevande e devono utilizzare denaro contante se vogliono lasciare una mancia.

L’aggiornamento, che Starbuks lancerà negli Stati Uniti il 19 marzo, permetterà ai clienti di aggiungere una mancia da 0,50, 1 e 2 dollari a loro ordini. Questo aggiornamento per l’applicazione Starbucks per iPhone è un passo importantenel programma d’innovazione digitale per Starbucks e uno dei tanti modi che ci permettono di ampliare e migliorare la nostra esperienza digitale nei mesi fururo – ha dichiarato Adam Brotman, direttore digitale per Starbucks.

La prossima versione della app includerà anche la funzione shake to pay, che permetterà ai clienti di visualizzare il codice a barre della propria carta Starbucks semplicemente agitando il telefono. L’applicazione subirà inoltre anche altri miglioramenti, come un design più user-friendly. La società ha dichiarato infine che è al lavoro su un importante aggiornamento per la versione per Android, che secondo le previsioni sarà disponibile entro la fine dell’anno.

Starbucks dichiara che oltre l’11% delle transazioni nei suoi punti vendita sono realizzati con i dispositivi mobili, anche se la società non ha detto quanti di questi sono stati fatti tramite l’applicazione Starbucks, la catena di coffee shop accetta infatti anche pagamenti mobili tramite Passbook o Square Wallet.

Fonte | mashable

Facebook posso modificare il mio Look Back?

Facebook posso modificare il mio Look Back?

Se sei un utente di Facebook, probabilmente avrai creato il tuo Look Back, il video che raccoglie i momenti principali da quando ti sei iscritto. Il video, come tutti sappiamo, è stato lanciato per il decimo anniversario del social network e come era logico pensare si è subito dimostrato molto popolare tra gli utenti di Facebook e tutti vogliono condividerlo in rete.

Tuttavia, manca una funzione importante a questo video: la modifica. Se andiamo però a controllare la pagina di aiuto per il Look Back possiamo vedere che si parla di una funzione di modifica che spiega di cliccare in un determinato punto per poter modificare il filmato, di utilizzare i segni di spunta sulle foto per farli apparire nel filmato. Questo è quello che dice la pagina di aiuto peccato che il pulsante modifica non esiste!

Secondo TechCrunch  il pulsante è in arrivo presto. Inseriremo presto la funzione modifica, ha  dichiarato un rappresentante di Facebook TechCrunch – che permetterà alle persone di cambiare i momenti nei loro film e di aggiornare quelli che condividevano in futuro. ma non abbiamo ancora definito quando la funzione sarà attivata. Quindi, se siete scontenti del vostro Look Back, non dovrete aspettare ancora molto. Sarà interessante vedere come Facebook  sfutterrà questa nuova funzionalità, vista la reazione molto positiva, potrebbe trasformarsi in un nuovo servizio a tutti gli effetti.

Fonte | mashable