led

GE Link: la lampadina intelligente

GE Link: la lampadina intelligente

Senza dubbio, le lampadine intelligenti sono molto interessanti perché permettono agli utenti di controllare le luci a distanza direttamente dallo smartphone tramite un’applicazione collegata. Tuttavia questo tipo di tecnologia, che attira molto interesse è però poco diffusa a causa di costi davvero elevati. Philips, aveva annunciato la prima lampadina Hue nel 2012, ma con l’enorme cifra di 199 dollari era possibile avere solo tre lampadine.

Una notizia interessante di queste ore potrebbe però cambiare tutto, sembra che General Electric potrebbe stravolgere questo mercato e riuscire dove Philips ha fallito creado una lampadina a LED intelligente Le lampadine Smart Link, questo il nome del nuovo prodotto GE sarà controllabile tramite l’applicazione Wink in remoto in qualsiasi parte del mondoQuesto significa che, sarà possibile controllare se avremo dimenticato di spegnere le luce, accenderle e spegnerle ad intervalli casuali per far sembrare che c’è qualcuno è in casa, scoraggiando i ladri. Le lampadine Link saranno in vendita a partire da 15 dollari al pezzo, rendendola una soluzione molto più conveniente del modello Hue di Philips.

ge-link-lightbulb

Secondo GE, la lampadina sarà disponibile in tre diverse versioni: un modello da 60 watt con LED bianchi, comunemente utilizzata per l’illuminazione generale; una bianca per un’illuminazione leggera; un faretto per uso interno/esterno a LED bianchi. Link verrà messa in vendita attraverso il sito web Home Depot a partire da lunedì e sarà disponibile nei vari negozi questo autunno.

Fonte | ubergizmo

Apple: richiesta di brevetto per una Smart Cover per iPad

Apple: richiesta di brevetto per una Smart Cover per iPad

La cover sul vostro prossimo iPad potrebbe essere smart e inviare allarmi ad alta priorità, notifiche e-mail e altro ancora. Una foto del brevetto Apple pubblicata giovedi mostra l’idea, non molto diversa da alcune soluzione che possiamo trovare su alcuni smartphone Android, come per esempio LG G3. Oltre ad illuminarsi, la prossima Smart Cover per iPad, secondo il brevetto disporrà di una finestra che permetterà di visualizzare una parte dello schermo così da poter visualizzare maggiori informazioni.

apple-ipad-smart-cover-priority-notificationsLa richiesta di brevetto depositata, pubblicata dal sito PatentlyApple, non garantisce che Apple realizzerà una nuova Smart Cover iPad con queste caratteristiche, possiamo solo intuire che l’azienda sta considerando l’idea di inserire queste nuove funzione nei prossimi accessori per iPad. Osservando i disegni presentati per la domanda di brevetto, possiamo vedere che sono presenti un certo numero di soluzione su come la Smart Cover potrebbe avvisare l’utente di una notifica: attraverso i LED oppure tramite la finestra trasparente che permette di vedere lo schermo. L’attuale cover per iPad è molto utile perchè funziona sia come uno stand sia per attivare automaticamente il dispositivo quando lo apriamo. Se Apple dovesse realizzare alcune di queste idee presenti in questo brevetto, potremmo avere tra le mani una cover ancora più completa.

apple-ipad-smart-cover-notifications

Fonte | gigaom

Lunecase: la cover intelligente che invia le notifiche

Lunecase: la cover intelligente che invia le notifiche

Se siete alla ricerca di una custodia davvero originale per il vostro iPhone, con funzioni davvero interessanti Lunecase potrebbe essere la scelta giusta. Questa nuova custodia infatti, è in grado di fornire, sfruttando l’energia elettromagnetica, notifiche per chiamate e messaggi senza sfruttare una batteria interna oppure collegandosi al telefono. Lunecase non ha bisogno di alimentazioni esterne perchè si autoalimenta imagazzinando l’energia di cui ha bisogno per funzionare dal ricevimento di messaggi e chiamate per poi convertirla in energia necessaria per la visualizzazione delle notifiche. Al suo interno è presente un sistema che rileva le chiamate e i messaggi in arrivo semplicemente riconoscendo le loro rispettive lunghezze d’onda.

lunecase2

Lunecase è la prima custodia intelligente iPhone – scrive la società su Kickstarter – perchè riconosce e identifica quando si riceve un messaggio o una telefonata prima ancora che venga visualizzata sullo schermo dello smartphone. Queste notifiche saranno visibili sul retro del disposiivo tramite led. La custodia è attalmente su Kickstarter dove ha superato la richiesta minima 50.000 dollari per entrare in produzione. Gli acquirenti interessati possono contribuire con cifre che vanno da 5 a 3.000 dollari e se vorranno la nuova cover in anticipo dovranno pagare una cifra che intorno ai 29 dollari per averla. Lunecase sarà poi disponibile nel mese di agosto al costo di 50 dollari.

Ecco il video disponibile su Kickstarter dove viene spiegato il funzionemento di Lunecase:

Fonte | bgr

 

Selfie: lo specchio che scatta e condivide su Twitter

Selfie: lo specchio che scatta e condivide su Twitter

Sull’onda delle tante notizie pubblicate in questi giorni su cosa sia un selfie e se può o meno essere un disturbo oggi vogliamo condividere con voi un post che parla di uno strumento per effettuarli nella maniera più corretta. Come possiamo intuire un fattore che influenza la buona riuscita di un selfie è la lunghezza del vostro braccio, può essere un fattore irrilevante ma in una foto la distanza di inquadratura è importante.

L’ideale in una foto in primo piano sarebbe farla scattare da un’altra persona ma a questo punto non sarebbe più in selfie e quindi perderebbe il senso di tutto. Un’alternativa potrebbe essere quella di effettuare una foto allo specchio ma in questo caso si vedrebbe il telefono e ovviamente il braccio insomma non proprio una bella foto. Il problema potrebbe essere risolto con S.E.L.F.I.E., uno specchio che scatta in automatico le foto e le posta su Twitter.

Il progetto è stato sviluppatao dalla iStrategyLabs ed è composto da un mini Mac nascosto al suo interno, uno specchio, una web cam e una serie di luci a LED incorporate dietro lo specchio. Il software di riconoscimento facciale installato sul computer riconosce e avvia il processo realizzando la foto, le luci LED si avvendereanno indicando quale zona sarà parte della foto. Effettuato il selfie e inserito il logo della società la foto verrà condivisa in automatico su Twitter. Sebbene S.E.L.F.I.E. sia solo un esperimento, è possibile contattare iStrategyLabs per acquistarne uno.

Ecco il video realizzato dalla società che spiega il funzionamento dello specchio:

Fonte | mashable