Project Tango

Project Tango: la NASA lo porta nello spazio

Project Tango: la NASA lo porta nello spazio

Tutti i robot a bordo della Stazione Spaziale Internazionale saranno presto dotati di uno smartphone di rilevamento di profondità per gentile concessione della società Google. I portatili chiamati Space-ready grazie all’innovativo Project Tango utilizzeranno la tecnologia 3D  per mappare l’ambiente circostante. Questi telefoni verranno inviati nello spazio su un veicolo spaziale programmata per 11 luglio e saranno gli occhi e le orecchie della NASA, Engage, Reorient, Experimental Satellites (SPHERES).

Gli smartphone di Project Tango saranno utilizzati per effettuare le attività al di fuori della stazione spaziale normalmente eseguiti dagli astronauti, eliminando così rischi inutili permettendo ai ricercatori di potersi concentrare meglio sulle attività che richiedono maggiore attenzione. Con dimensioni simili ad un pallone da calcio, i robot saranno movimentati nello spazio da piccole esplosioni di anidride carbonica velocità di circa un centimetro al secondo.

Abbiamo voluto aggiungere la comunicazione, dichiara Chris Provencher membro del progetto SPHERES- una fotocamera, aumentare la capacità di elaborazione, accelerometri e altri sensori, con un normale telefono. Google sta testando Project Tango anche a gravità zero e la cosa inizia a farsi molto interessante . In aggiunta al suo lavoro con la NASA, Google ha annunciato che rilascerà un tablet Tango realizzato da LG il prossimo anno.

Fonte: 9to5google

A Simple #CoffeeBreak – The last week #5

A Simple #CoffeeBreak – The last week #5

Nuovo appuntamento di inizio settimana con A Simple CoffeeBreak – The last week. Cos’è successo la scorsa settimana? Abbiamo pubblicato alcuni articoli interessanti che vi siete persi? Oppure non avete fatto in tempo a leggere? Eccoli tutti raccolti in un unico post pronti per essere letti e soprattuto condivisi. Nella settimana appena trascorsa vi abbiamo parlato di diversi argomenti come per esempio: un metodo di pagamento alternativo, l’evoluzione della stampa 3D applicata alle case, un’applicazione per ordinare la cena da casa, gli stickers di Line, un interessante articolo che vi consiglio su Project Ara di Google, un interessante evoluzione di un altro progetto targato BigG con Project tango alla Nasa e infine le nuove indiscrezioni sul prossimo iPhone 6.

Buona lettura e soprattutto buona settimana a tutti!!

 

 

 

 

 

 

 

Google Project Tango ecco i test con la Nasa

Google Project Tango ecco i test con la Nasa

Google, sempre attiva nei suoi tantissimi progetti, in accordo con la NASA manderà nello spazio i suoi dispositivi della sezione Project Tango. Alcuni mesi fa la sezione ATAP che si occupa di questo progetto, aveva sviluppato uno smartphone con motion tracking 3D per per effettuare una scansione a tre dimensioni. In futuro grazie ad una accordo con la NASA questi dispositivi potranno essere utilizzati all’interno della Stazione Spaziale Internazionale. Project Tango sfrutta per le sue scansioni 3D il processore Myriad 1 effettuando 250.000 misurazioni al secondo che poi vengono trasformate in un immagine tridimensionale del luogo.

Lo smartphone Project Tango sfruttando questo tipo di scansione verranno quindi collegati a Spheres, un robot utilizzato dalla Nasa, per poter lavorare nello spazio in assenza di gravità e muoversi all’interno della Stazione Spaziale. Sfruttando la precisione dello smarphone Google il robot potrà muoversi nell’ambiente a gravità zero senza sbattere contro tutte le attrezzature presenti sulla stazione. La Nasa attualmente usa già questi robot all’interno della struttura ma la precisione di movimento non era molto attendibile. Grazie a Projcet Tanto tutto questo potrà essere migliorato.

Google e Nasa hanno avviato inoltre i primi test con Speres a gravità zero sull’aereo utilizzato per simulare la gravita zero sul G-FORCE ONE 727. I test sugli smartphone sono stati soddisfacenti e gli smartphone di Project Tango inseriti all’interno dei robot Spheres saranno lanciati in orbita di questa estate.

Ecco il video dei test a gravita zero:

Fonte | thenextweb