ricarica

Ikea: i mobili caricheranno smartphone e tablet

Ikea: i mobili caricheranno smartphone e tablet

L’addio ai cavi di alimentazione per ricaricare i nostri smartphone o tablet potrebbe essere più vicino di quanto pensiamo. All’ultimo Mobile Word Congress di Barcellona, diverse aziende hanno presentato la ricarica dei dispositivi senza fili tramite l’induzione elettromagnetica. Tra queste aziende troviamo, un po’ a sorpresa Ikea. Durante l’ultimo Mobile Congress la casa svedese ha presentato una serie di oggetti di arredamento tra cui lampade, tavoli e scrivanie, su cui appoggiato lo smartphone o il tablet sarà possibile ricaricarlo.

ikea-ricarica-mobile1

Ikea, non ci obbliga però a comrare i mobili perche realizzerà degli speciali piani di appoggio, che potrano essere aggiunti a mobili già presenti in casa, così da poter utilzzare lo stesso questa nuova modalità did ricarica. Il principio funzionamento sfruttato da Ikea per la ricarica senza fili è l’interfaccia Qi, sviluppato dal consorzio Wireless Power Consortium. La nuova linea di mobili Ikea con sistema di ricarica ad induzione elettromagnetica sarà disponibile a partire dal mese di aprile prima in Europa poi in Nord America, e successivamente nel resto del mondo.

 

Pronto: ricarica ultra-veloce per il tuo iPhone

Pronto: ricarica ultra-veloce per il tuo iPhone

Molte aziende presentano e commercializzano interessanti batterie esterne per iPhone e altri smartphone e spesso prima di essere immessi sul mercato le società avviano una campagna di crowd funding su Kickstarter o Indiegogo cercando di raccogliere fondi per trasformare il progetto in un prodotto commerciale. Tra i tanti prodotti disponibili e in fase di ricerca di fonti è interessante segnalare la batteria esterna Pronto, un accessorio che viste le premesse potrebbe mettere a disposizione degli utenti qualcosa di speciale.

Pronto, avviata la campagna su Kicktarter, ha già superato il suo obbiettivo iniziale di 50.000 dollari raggiungendo e superando i 10o.000 dollari con ancora a disposizione 28 giorni per incrementare il finanziamento. Ma come funziona Pronto? Quali sono le sue carateristiche? La prima caratteristica interessante riguarda il tempo di ricarica. La batteria esterna ha bisogno infatti di solo 5 minuti per avere abbastanza autonomia per caricare completamente la batteria di un iPhone 5 che dispone di una batteria di 1,440mAh.

A differenza degli altri dispositivi Pronto si carica molto velocemente, in quanto dispongono di una potenza di 25Watts per il modello Pronto 5 e 60Watts per il modello Pronto 12. Il modello Pronto 5 dispone di una batteria da 4,500mAh e di una porta USB da 2.4A, mentre il modello Pronto 12 dispone di una batteria da 13,500mAh Pronto 12 ed è dotato di due porte USB da 2.4A USB e una porta da 12V compatibile con i computer portatili e telecamere DSLR. Veniamo ora ai prezzi: il Pronto 5 è disponibile su Kickstarter da 59 a 79 dollari e sarà in vendita a 99 dollari. Il Pronto 12 che su sito è disponibile al prezzo che va da 99 a 119 dollari sarà in vendita a 149 dollari. Le spedizioni di Pronto inizierano nel mese di marzo per la versione 5 e nel mese di maggio per la 12.

Ecco di seguito un video che presenta i due modelli di Pronto:

Fonte | bgr

Mai provato gli omini Lego per organizzare i tuoi cavi?

Mai provato gli omini Lego per organizzare i tuoi cavi?

Adesso che siete cresciuti, tutte quelle scatole di Lego che usavate da piccoli dove andranno a finire? Permetterete ai vostri genitori di sbarazzarsi di loro? I vostri omini Lego hanno tenuto in mano scudi e spade laser e adesso finiti in un cassone insieme a tanti altri giochi finendo per essere dimenticati. Ma oggi c’è un modo davvero interessante per poterli far rinascere, un modo molto utile anche adulti! Non avete mai considerato di utilizzare le loro mani a forma di C per bloccare i cavi di ricarica degli smartphone? Un sistema interessante per ordinare la scrivania! Immaginatevi come sarebbe tutto pulito utilizzando una piccola serie di omini Lego che stringono tra le mani i vari cavi.

Andreas, utilizzando Sugru, ha voluto condividere la sua applicazione fissando gli omini Lego su un lato del tavolo per una facile organizzazione, come potete vedere nel video. Ma è possibile utilizzare qualsiasi tipo di materiale adesivo per fissare il vostro piccolo Lego. Tutto da cavi audio e di ricarica per iPhone possono essere fissati nelle loro piccole mani gialle. Ma a questo punto la domanda è d’obbligo: come abbiamo  fatt ad accorgerci solo adesso? Sono passati molti anni dal 1978!

Fonte | mashable

Spor: il carica batterie ad energia solare

Spor: il carica batterie ad energia solare

La durata della batteria dello smartphone è oggi uno dei più grandi problemi per il settore mobile. Si è arrivati ​​al punto in cui è necessario mettersi in tasca una batteria esterna quando si esce di casa per più di un paio d’ore per non correre il rischio di rimanere senza autonomia. Un progetto presente su Kickstarter questa settimana. non risolverà i problemi di autonomia della batteria degli smartphone, ma offre un sistema molto originale per ricaricare il vostro dispositivo portatile.

Spor, questo il nome del progetto, se vogliamo non ha niente di nuovo, infatti assomiglia a tanti altri sistemi di ricarica USB, un piccolo quadrato nero con un paio di porte USB. La grande differenza è che Spor è anche un pannello solare, questo significa che si caricherà quando sarà esposto alla luce del sole. I progettisti hanno comunque previsto anche la possibilità di caricarlo tramite presa di corrente.

La batteria dispone di 5200mAh di potenza, circa il doppio di quello che dispone normalmente uno smartphone medio. per la ricarica ci vogliono fino a 50 ore utilizzando l’energia solare oppure due tre ore quando si collega a una presa di corrente. L’azienda dichiara che ci vorrà solo un’ora e mezza per ricaricare il vostro iPhone. Per soli 30 dollari sarà possibile acquistare, con consegna a settembre, il pacchetto assemblabile di Spor con circuito, pannello solare e batteria 5200mAh.

Per 50 dollari, con consegna a dicembre, sarà poi possibile avere il modello finito. Saranno disponibili anche i cavi con qualità superiori, per 55 dollari sarà possibile avere olre al dispositivo il cavo in nylon, mentre 60 dollari un cavo a collo d’oca flessibile. Il progetto è attualmente su Kickstarter e ha attualmente quasi raggiunto gli 80.000 dollari, gli sviluppatori hanno posto il traguardo a 100.000 dollari e ci sono ancora 7 giorni prima della scadenza.

Tutti i componenti di Spor sono stati realizzati all’estero, ma il dispositivo sarà assemblato negli Stati Uniti, così da avere, come spiegano gli sviluppatori, il fase finale della produzione. Ci sono un sacco di caricatori per smartphone sul mercato e sicuramente meno costosi, ma Spor è diverso. L’energia solare è una fonte inesauribile e importante in un contesto ecologico e i creatori vogliono di Spor vogliono regalare ai loro futuri utenti un prodotto diverso con un modo alternativo di ricaricare il proprio dispositivo.

Fonte | technobuffalo

Starbucks: in arrivo i punti di ricarica wireless

Starbucks: in arrivo i punti di ricarica wireless

Starbucks aveva dichiarato lo scorso anno di avere in progamma l’installazione di alcuni punti di ricarica wireless all’interno dei suoi coffee shop. Passati alcuni mesi l’azienda sta mantenendo quanto dichiarato e dopo alcuni test funzionali in alcune filiali nella zona della baia di San Francisco il servizio è pronto per partire. L’azienda in collaborazione con Duracell inserirà nei suoi punti vendita i caricabatterie Powermat. Questi dispositivi saranno messi a disposizione sui tavoli, consentendo ai clienti con dispositivi compatibili, di ricaricare la batteria del loro smartphone con facilità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Powermat, che utilizza uno standard di ricarica fissato dal Power Matters Alliance (PMA), sarà installato nelle catene Starbucks e Teavana (sale da the di proprietà di Starbucks) e sulla superficie di alcuni tavoli troveremo alcuni piccoli cerchi neri.  I caricabatterie Powermat, hanno però un limite, perchè sono compatibili con pochissimi modelli di cellulari, sono esclusi per esempio gli iPhone e la linea Samsung Galaxy. Ci sono però delle soluzioni. come potete vedere nella galleria fotografica, che andranno ad adattare lo smartphone, senza la funzione di ricarica wireless, per esser utilizzate nei coffee shop dell’azienda americana, estendendo a quasi tutti i modelli la possibilità di ricarica senza fili. Starbucks dichiara che amplierà il servizio su tutto il territorio statunitense con 100.000 stazioni il prossimo anno e nel frattempo sta progettando alcuni test pilota in alcune parti dell’Europa e dell’Asia.

Fonte | thenextwebtechnobuffalo

Legion Meter: carica più velocemente il tuo smartphone

Legion Meter: carica più velocemente il tuo smartphone

Legion Meter PLX Devices è un piccolo dispositivo, un dongle per essere più precisi con connessione USB, presente attualmente su Kickstarter. Un accessorio che, secondo i suoi sviluppatori ,vi aiuterà a ricaricare il vostro iPhone o il vostro smartphone Android fino a due volte più velocemente. La campagna è appena iniziata con più di 20 giorni prima della data di scadenza ma il progetto ha già superato il suo obiettivo 10.000 dollari, raggiungendo l’enorme cifra di 260.000 dollari. Questo significa che Legion Meter è già stato finanziato.

Come abbiamo detto la nuova chiavetta accelera in modo sicuro la velocità di ricarica dello smartphone o tablet fino al 92%, tutti i dati di ricarica vengono poi inviati dal multimetro che  invia i dati di ricaica su un piccolo display OLED, dove si portà visualizzare la tensione, la corrente e la potenza in ore espressa in milliwatt.

Il sistema di accelerazione della carica ha due modalità di funzionamento spiega la società  – la modalità Apple e modalità Android selezionabile dall’utente così da convertire qualsisi porta USB e ottimizzare la velocità di carica del dispositivo. Il circuito PLX Charge Accelerator presente all’interno è in attesa di brevetto. Legion Meter può essere attualmente acquistato tramite Kickstarter a 49 dollari e dovrebbe essere spedito a partire da ottobre 2014.

PLX sta nel frattempo portando avanti altre due campagne su Kickstarter collegate a Legion Meter, stiamo parlando di una batteria esterna e della torcia Luxor. Ecco il video di presentazione del funzionamento di Legion Meter presente su Kickstarter.

Fonte | bgr

Giappone: realizzata batteria in cotone

Giappone: realizzata batteria in cotone

La maggior parte delle batterie che usiamo nei nostri dispositivi elettronici sono state fabbricate con metalli molto rari e se manomessi come per esempio forate potrebbe esplodere o comunque perdere la sua capacità dopo essere stata caricata e scaricata più e più volte. Questi sono i problemi che Power Japan Plus spera di risolvere con una batteria organica. Realizzate in cotone biologico, le batterie di alimentazione Giappone plus sono in grado di generare non solo più potenza di una batteria al litio, ma sono in grado di caricare in un tempo 20 più veloce e soprattutto senza perdere nulla della sua capacità energetica o almeno questo è quello che i suoi creatori hanno sostenuto.

Per raggiungere questo risultato, l’azienda ha modificato la struttura della fibra di carbonio del cotone creando proprietà uniche mai sviluppate. Il risultato finale è sato chiamato Carbon Complex e viene utilizzato per formare l’anodo e il catodo la batteria, con un elettrolita organico utilizzato come conduttore. Questa tecnologia era già stata nel 1970 presso la Kyushu University in Giappone secondo Chris Craney cheif marketing di Power Japan Plus.

La società prevede di avviare una produzione di un primo lotto che andrà da 500 a 5.000 con l’intenzione di vendere la batteria per l’utilizzo nei dispositivi elettronici. La società prevede inoltre integrare la loro batteria all’interno dei veicoli elettrici, anche se questo possibile impiego verrà presentato entro la fine dell’anno.

Fonte | ubergizmo

iWatch Apple ricarica in movimento

iWatch Apple ricarica in movimento

Quando Apple svelerà il suo iWatch, ci sarà una forte attenzione verso questo dispositivo, secondo gli esperti infatti il mercato degli orologi intelligenti riceverà una grossa scossa grazie a Cupertino. Nel frattempo però molte sono le voci che si susseguono su come sarà il prossimo orologio della mela. In questi ultimi giorni si sta parlando molto del suo sistema di ricarica, ma vediamo di cosa si tratta.

Secondo il New York Times, Apple starebbe sviluppando un sistema di ricarica senza dover collegare per forza il dispositivo ad una presa di corrente. L’utilizzo della ricarica induttiva è stata inserita negli smartphone lo scorso anno, nel Google Nexus 4 e Nokia Lumia 920 e non ha portato molto interesse. Apple, scarta questa ipotesti, sta valutando un’altra strada, inserire nel suo iWatch la ricarica del dispositivo mediante i movimenti del polso. In parole povere questo principio trasformerebbe l’energia generata dal momvimento del polso in ricarica per l’orologio. Alcuni modelli di orologi che possiamo definire tradizionali montano già una tecnologia simile e non richiedono il cambiamento della batteria dopo un certo periodo di tempo.

Una seconda valutazione che l’azienda sta sviluppando è la possibilità dell’inserimento di uno piccolo pannello solare sotto il display del dispositivo, anche questa già presente nei normali orologi che utilizziamo quotidianamente. I presupposti sono sicuramente interessanti ma come risponderà il mercato a questo dispositivo? Samsung non ha avuto un enorme successo perchè molti sono i dubbi inerenti a questo dispositivo forse troppo nuovo o forse non molto utile nella nostra vita quotidiana.

Fonte | engadget