Tag

Foto imbarazzanti? Ecco come rimuoverle

Foto imbarazzanti? Ecco come rimuoverle

Vi è mai capitato di essere fotografati e non ve lo aspettavate? Immortalati in un immagine magari sgradita che potrebbe trasformarsi in un cattivo biglietto da visita per un nuova possibilità lavorativa. Non è importante se quella foto magari sfuocata in cui siete addormentati con magari a fianco delle bottiglie risale a tanti anni fa, bisogna sempre ricordarsi che tutto quello che viene caricato sul web è per sempre. Come si può procedere allora nella rimozione di queste immagini indesiderate? Ecco una serie di procedimenti per i principali social network utilizzati:

Facebook

Prima di tutto, se venite taggati in una fotografia compromettente o imbarazzante, la prima cosa da fare è quella di rimuovere il tag, così da eliminare l’immagine tra le vostre foto. Fatto questo sarà possibile rimuovere definitivamene la foto che, nel caso fosse stata scattata da un vostro amico, non avrà probabilmente problemi a rimuovere l’immagine. Nel momento in cui questa richista non venissa ascoltata potrete richiedere la rimozione direttamente a Facebook scrivendo a info@support.facebook.com. Se questo non bastasse, un ulteriore possibilità è quella di scrivere sul Forum di assistenza di Facebook spiegando il problema.

Al di la di questi episodi che a volte possono verificarsi è importante controllare bene le impostazioni della privacy, così da permettervi prima di decidere se la foto può essere condivisa oppure no sulla vostra pagina personale.

Twitter

Per proteggersi su Twitter da foto e nel caso affermazioni poco corrette dovrete inviare una richiesta agli amministratori oppure utilizzando il centro di assistenza, spiegando i motivi della richiesta, spiegando quindi se si è coinvolti direttamente, chi è e quali motivi i moivi della segnalazione.

Google

Successivamente alla sentenza della Corte di Giustizia Europea, che ha imposto a Google la rimozione di alcuni risultati ottenuti dalle ricerche su motore di ricerca, nel momento in cui troviamo tra i risultati un link  che riteniamo inadeguati possiamo richiedere la sua rimozione attraverso questo link. Sembra davvero facile a questo punto, ma non è  proprio cosi, per ottenerne infatti la rimozione da Google non è sufficiente che la pagina sia, per qualsiasi motivo, indesiderata. La Corte di Giustizia spiega infatti che la pagina pagina in questione per essere rimossa deve avere anche al suo interno informazioni inadeguate o comunque sbagliate in relazione allo scopo per cui sono state pubblicate.

Instagram

Sul social di propietà Facebook nel momento in cui dovremmo trovare immagini indesiderate basterà per prima cosa selezionare Nascondi dal mio profilo e rimuovere il tag selezionando Eliminami dalla foto. Nel caso in cui non foste soddisfatti di questo tipo di rimozione sarà possibile segnalare ad Instagram l’immagine incriminata.

A Simple #CoffeeBreak – The last week #2

A Simple #CoffeeBreak – The last week #2

Buongiorno a tutti! Eccoci ancora con l’appuntamento di inizio settimana con A Simple #CoffeeBreak – The last week con l’elenco di tutti i post pubblicati, questa volta in formato Google+.

Nuovi aggiornamenti per twitter, la stategia Microsoft per Windows XP, nuovi brevetti apple per iMessage, una raccolta di app per una vita più semplice e un accessiorio interessante per desktop Apple. Buona lettura e soprattutto buona settimana!!


 

 


 

 


 

 

Twitter: tag e upload multiplo di foto nel nuovo aggiornamento

Twitter: tag e upload multiplo di foto nel nuovo aggiornamento

Twitter ha annunciato alcune nuove funzionalità per la sua applicazione per iPhone. Gli utenti con l’ultimo aggiornamento per iPhone app avranno quindi a disposizione nuove funzioni interessanti per gestire meglio le foto da condividere sul social. Tra la nuove funzioni potranno per esempio selezionare fino a quattro foto contemporaneamente all’interno di un tweet visualizzate poi come un collage.

 

Oltre alle foto multiple nei tweet, gli utenti saranno in grado di taggare altre persone nelle loro foto tramite un apposito pulsante. Interessante notare che i tag non ruberanno caratteri da utlizzare nel tweet, lasciando a disposizione dell’utente i 140 caratteri del tweet. Twitter ha inoltre dichiarato che in futuro, queste funzioni sarà rese disponibili anche per applicazioni di terze parti, come Tweetbot.

multiupload_final_1Twitter sta progettando anche alcune ulteriori modifiche, riporta il Wall Street Journal. Dopo aver annunciato la chiusura di #music la scorsa settimana, la società prevede di rinnovare la sua offerta musicale a sfruttando sia la conversazione via tweet che in streaming. L’azienda sta infine lavorando sulla possibiltà di offrire i video musicali sfruttando il servizio video che l’azienda sta attualmente sviluppando. Quando però tutte queste modifiche verranno attivate non è ancora chiaro, Twitter non ha rilasciato dichiarazioni in merito.

Gli aggiornamenti sono disponibili sia per iOS che per Android.

10 termini di Facebook che hanno cambiato la lingua inglese

10 termini di Facebook che hanno cambiato la lingua inglese

Il 10° anniversario di Facebook  si avvicina e molti discorsi e riflessioni si possono fare su come il primo social network al mondo ha cambiato il nostro modo di vivere. Tuttavia, un aspetto che molti non considerano è l’effetto sul vocabolario inglese. Non c’è dubbio che le nuove reti sociali hanno introdotto parole e frasi in lingua che possiamo definire volgare

Facebook ha attualmente 1.190.000.000 di utenti i cui termini hanno attraversato il confine digitale e sono entrati nella vita di ogni giorno. Non siamo ancora sicuri se l’ingresso di questi termini sono una cosa positiva o negativa per il nostro parlare quotidiano.

Ecco le 10 parole create da Facebook che in alcuni casi sono nate apposta per il social oppure in altri casi hanno preso un altro significato:

  1. Facebook Official – Condividere la propria situazione sentientale.
  2. Friend – Aggiungere un altro utente di Facebook come un amico, fare un’amicizia digitale.
  3. Like – Per mostrare il proprio apprezzamento con il simbolo del pollice in su.
  4. Poke – Per avvisare un altro utente la propria presenza inviando una notifica.
  5. Pro Pic – La foto che rappresenta l’utente sul tuo profilo pubblico.
  6. Stalk – Per guardare controllare in profondità un altro utente leggendo messaggi e foto, a prescindere che lo si conosca oppure no.
  7. Tag – Per aggiungere un link al profilo di un utente attraverso una foto, lo stato oppure un commento.
  8. Unfriend – Per rimuovere qualcuno dal proprio elenco di amici.
  9. Unlike – Per cambiare idea di un post dove precedentemente era stato messo mi piace .
  10. Wall – La visualizzazione pubblica del profilo utente, dove appaiono: post, messaggi e altro ancora.

Queste sono 10 delle parole nate con Facebook, ne conoscete altre? Condividete nei commenti!

Fonte | mashable