#Twitter

Twitter: sarà possibile inviare segnalazioni alla polizia

Twitter: sarà possibile inviare segnalazioni alla polizia

Nuova funzione per Twitter in fatto di sicurezza, sarà infatti possibile gestire in maniera più semplice e più completa un abuso. Il social mette infatti a disposizione uno strumento per estrarre il testo del tweet con relativi dettagli così da poter essere inviato alle forze dell’ordine. In più a tutto questo, per avere un resoconto su quanto inviato, sarà possibile ricevere in messaggio email il testo incriminato, il link, l’account di chi ha inviato il testo e i dati dell’utente vittima dell’abuso.

twitterreport

Il social si pone l’obbiettivo di mettere a disposizione dell’utente un servizio preciso e dettagliato pronto per essere utilizzato per inviare una segnalazione alle forze dell’ordine. Tramite un modulo precompilato, per semplificare e velocizzare il procedimento, sarà quindi possibile inviare le informazioni necessari per avviare, nel caso in cui ci fossero le condizioni, un indagine sull’utente segnalato. Oltre alla segnalazione inoltrata dall’utente, alle forze dell’ordine verrà messa a disposizione, tramite link, la documentazione riguardante il regolamento di Twitter sui rapporti con le autorità.

twitteremail

Twitter fa quindi un nuovo passo avanti in fatto di sicurezza, la protezione dell’utente diventa sempre più importante per mettere l’utente nelle condizioni ideali. Dick Costolo in una sua dichiarazione precedente a questa funzione ha espresso perplessità sulla gestione della privacy e sicurezza all’interno del social, questa nuova funzione va a sistemare questo vuoto creando un buon servizio semplice e dettagliato che mancava all’interno del pacchetto sicurezza di Twitter.

Fonte | mashable

 

Twitter App Graph: come funziona

Twitter App Graph: come funziona

Nuovo aggiornamento in arrivo per Twitter, la nuova novità che arriverà presto all’interno dell’applicazioni per dispositivi mobili si chiama App Graph, creata per analizzare e inviare ai server del social network quali app utilizzano gli utenti, elaborando delle statistiche in funzione dei dati rilevati. A questo punto è giusto chiedersi: a cosa serve App Graph? Questa nuova funzione è stata creata dal social network per ottimizzare la pubblicità. Twitter spiega infatti che grazie a questo aggiornamento potrà offrire una pubblicità più mirata elaborata quindi in funzione di quello che sarà installato sugli smartphone e tablet dei vari utenti.

Dopo Facebook e Google anche Twitter si adegua a questo metodo di analisi, quindi niente di nuovo se vogliamo. Attualmente tutti le più grosse società con servizi sul web operano in questo modo, Google per esempio tramite le ricerche effettuate e Gmail, Facebook tramite le pagine visitate e gli amici. Non può che essere così se ci pensate, viviamo in un era dove la parte più importante della pubblicità è on-line ed è praticamente ovvio che anche Twitter si adeguasse a questo.

Dal punto di vista degli inserzionisti tutto questo è un vantaggio, ma se giriamo la medaglia dalla nostra parte la nostra privacy non può ritenersi felice. App Graph guarderà nel nostro dispositivo, controllerà i nostri gusti, cercando di capire cosa ci piace fare, creando poi una pubblicità fatta su misura per noi. Twitter commentando questa futuro aggiornamento ha dichiarato che il servizio non andrà ad analizzare i dati all’interno delle app, si fermerà al nome. Il social spiega inoltre, per tranquillizzare i suoi utenti che quando il servizio di monitoraggio sarà attivo verrà segnalato.

Fonte | 9to5google

 

 

 

Foto imbarazzanti? Ecco come rimuoverle

Foto imbarazzanti? Ecco come rimuoverle

Vi è mai capitato di essere fotografati e non ve lo aspettavate? Immortalati in un immagine magari sgradita che potrebbe trasformarsi in un cattivo biglietto da visita per un nuova possibilità lavorativa. Non è importante se quella foto magari sfuocata in cui siete addormentati con magari a fianco delle bottiglie risale a tanti anni fa, bisogna sempre ricordarsi che tutto quello che viene caricato sul web è per sempre. Come si può procedere allora nella rimozione di queste immagini indesiderate? Ecco una serie di procedimenti per i principali social network utilizzati:

Facebook

Prima di tutto, se venite taggati in una fotografia compromettente o imbarazzante, la prima cosa da fare è quella di rimuovere il tag, così da eliminare l’immagine tra le vostre foto. Fatto questo sarà possibile rimuovere definitivamene la foto che, nel caso fosse stata scattata da un vostro amico, non avrà probabilmente problemi a rimuovere l’immagine. Nel momento in cui questa richista non venissa ascoltata potrete richiedere la rimozione direttamente a Facebook scrivendo a info@support.facebook.com. Se questo non bastasse, un ulteriore possibilità è quella di scrivere sul Forum di assistenza di Facebook spiegando il problema.

Al di la di questi episodi che a volte possono verificarsi è importante controllare bene le impostazioni della privacy, così da permettervi prima di decidere se la foto può essere condivisa oppure no sulla vostra pagina personale.

Twitter

Per proteggersi su Twitter da foto e nel caso affermazioni poco corrette dovrete inviare una richiesta agli amministratori oppure utilizzando il centro di assistenza, spiegando i motivi della richiesta, spiegando quindi se si è coinvolti direttamente, chi è e quali motivi i moivi della segnalazione.

Google

Successivamente alla sentenza della Corte di Giustizia Europea, che ha imposto a Google la rimozione di alcuni risultati ottenuti dalle ricerche su motore di ricerca, nel momento in cui troviamo tra i risultati un link  che riteniamo inadeguati possiamo richiedere la sua rimozione attraverso questo link. Sembra davvero facile a questo punto, ma non è  proprio cosi, per ottenerne infatti la rimozione da Google non è sufficiente che la pagina sia, per qualsiasi motivo, indesiderata. La Corte di Giustizia spiega infatti che la pagina pagina in questione per essere rimossa deve avere anche al suo interno informazioni inadeguate o comunque sbagliate in relazione allo scopo per cui sono state pubblicate.

Instagram

Sul social di propietà Facebook nel momento in cui dovremmo trovare immagini indesiderate basterà per prima cosa selezionare Nascondi dal mio profilo e rimuovere il tag selezionando Eliminami dalla foto. Nel caso in cui non foste soddisfatti di questo tipo di rimozione sarà possibile segnalare ad Instagram l’immagine incriminata.

I social network nel mondo: ecco la mappa

I social network nel mondo: ecco la mappa

Ogni anno nel mese di giugno e dicembre, il social media strategist Vincenzo Cosenza, pubblica sul suo sito la mappa dei social network nel mondo, mettendo in evidenza, in funzione di come si stanno diffondendo i social nel mondo, qual è il social più utilizzato in ogni stato. L’ultimo aggiornamento, pubblicato in questi giorni è aggiornato al mese di luglio di quest’anno. Gli ultimi dati rilvati dicono che Facebook oggi è il primo social in 130 dei 137 stati monitorati da Alexa in tutto il mondo. Anche se i dati sono parziali e non riguardano tutti gli stati questo nuovo aggiornamento non lascia dubbi al fatto che la crescita di Facebook è davvero in arrestabile.

Nel precedente rapporto pubblicato a dicembre 2013, il social di Zuckerberg era primo in 128 paesi, sei mesi più tardi ha conquistato la Lettonia, sorpassando il social network locale Draugiem, e la Repubblica di Moldavia, dove precedentemente Odnoklassniki era il primo social. Il superamento di Facebook in quest’ultima nazione nazione potrebbe dare il via alla diffuzione anche negli stati vicini dove i social V Kontakte e Odnoklassniki hanno sempre mantenuto il primo posto.

Nei primi sei mesi del 2014 Facebook ha aggiunto altri 89 milioni di utenti attivi arrivando all’enorme cifra di 1,317 miliardi di utenti mensili suddivisi in:

  • 204 milioni di statunitensi e canadesi
  • 292 milioni di europei
  • 410 milioni di asiatici
  • 362 milioni i restanti cittadini di tutte le altre zone del mondo

Facebook, sembra non fermarsi davvero più ma c’è ancora una zona che per Zuckerberg è ancora impenetrabile, stiam parlando della Cina dove QZone è ancora il primo social network vantando l’importante cifra di 645 milioni di utenti, con al secondo posto Siina Weibo, il clone cinese di Twitter con 503 milioni di utenti.

Ecco l’immagine animata dell’evoluzione dei social negli ultimi anni:

wmsn_animated_jul14_690

Fonte e immagini | vincos

 

#WorldCup: racconta i mondiali 2014 in Brasile su Twitter

#WorldCup: racconta i mondiali 2014 in Brasile su Twitter

Nuovo video per Twitter e nuovo hashtag che il social suggerisce ai suoi utenti per raccontare tutti i momenti del prossimo evento che inizierà a giorni in Brasile: la coppa del mondo di calcio. #WordCup, per raccontare ogni partita, ogni momento ogni secondo di questo evento che ci unisce ogni quattro anni. Così dice la descrizione del nuovo video appena pubblicato su YouTube. Non ci resta che twittare e metterci #WorldCup come hashtag per entrare tra le tendenze del social dell’uccellino Larry.

Ecco il video: #WorldCup on Twitter: Love every second – #WorldCup su Twitter: ama ogni secondo

Ecco invece #Copa2014 no Twitter: Ame cada segundo la versione in portoghese con #Copa2014 come hashtag:

Fonte | twitter channel

A Simple #Coffeebreak – The last week #7

A Simple #Coffeebreak – The last week #7

Una nuova settimana è alle porte! Vi siete persi cos’abbiamo pubblicato la scorsa settimana? Nessun problema basta leggere A Simple CoffeeBreak – The last week. Abbiamo parlato di argomenti interessanti negli scorsi giorni che vogliamo riportarvi per dare o magari ridare una lettura veloce a tutto. Eccoli elencati nei tweet pubblicati su @Asimplenetpaper.

Twitter: resetta la password via SMS

Twitter: resetta la password via SMS

Twitter tra le tante novità grafiche inserite in questi mesi ha recentemente aggiornato alcune delle sue caratteristiche riguardanti la sicurezza, una di queste mette a disposizione degli utenti la possibilità di resettare la password tramite un messaggio di testo, questo significa che nel momento in cui si dimentica la password, oppure la si vuole cambiare per motivi di sicurezza Twitter mette a disposizione un sistema molto veloce e pratico. 

twitter-reset-630x411

Ogni volta quindi che si desidera cambiare password, sarà possibile scegliere se ripristinarla, con il sistema attuale, tramite e-mail, opppure richiedendo l’invio di un SMS al numero di telefono salvato nell’account. Questa nuova funzione è attualmente disponibile solo per iOS. Sempre in chiave di sicurezza Twitter, analizzando le varie password degli utenti ha notato che le persone usano molto spesso la stessa password su più di un account, questo aumenta il rischio perchè conosciuta una password il malintenzionato può avere accesso a tutti i nostri account con la stessa parola segreta. Twitter, per risolvere questo problema, ha inserito un nuovo sistema che verifica la posizione dei login utente, se la posizione fosse diversa dalle solite zone, verremmo avvisati con una mail. Niente di nuovo se vogliamo perchè è lo stesso procedimento utilizzato da Google, ma comunque un miglioramento in più per garantire più sicurezza agli utenti Twitter.

Fonte | technobuffalo

Sondaggio: Facebook è il più utilizzato dai maggiorenni

Sondaggio: Facebook è il più utilizzato dai maggiorenni

Come sono suddivise le fasce d’età nell’utilizzo dei social network? Da chi viene maggormente utilizzato? Recenti studi su Facebook dicono che sta perdendo utenti specialemente tra gli adolescenti mentre per quanto riguarda la fascia d’età che va tra i 18 e 29 anni è molto attiva sul social numero uno al mondo.

A confermare tutto questo una ricerca dell’università di Harvard, che ha intervistato oltre 3.000 persone maggiorenni, per effetturare un ricerca in campo politico, ha scoperto che la fascia tra 18-29 anni è molto attiva sui social.  Durante il sondaggio, ai partecipanti è stato chiesto quali piattaforme di social media utilizzavano, sorprendentemente, il sondaggio ha rivelato che la maggioranza degli intervistati utilizza Facebook, meno della metà utilizza altri social network come Twitter, Tumblr e Instagram. Il grafico seguente, creato da portale statistica on line Statista, illustra la percentuale di utilizzo per social in funzione di quanto è stato riscontrato dal sondaggio. Osservandolo possiamo vedere un importante 84% di Facebook che distacca di molto Google+ e tutti gli altri.

2014_05_06_Reach-1

 

Fonte | mashable

#AmazonCart: fare shopping da Twitter

#AmazonCart: fare shopping da Twitter

Amazon, sempre molto attiva è innovativa nel realizzare nuovi sistemi per fare shoppign on-line ha appena lanciato una nuovo servizio interessante per fare acquisti. Stiamo parlando di #AmazonCart, una nuova funzione che consente di aggiungere prodotti al carrello del sito direttamente da Twitter. Utilizzare la funzione, è molto semplice, basta collegare tra loro gli account di Twitter e Amazon, attraverso le impostazioni del social. Fatto questo sarà possibile uilizzare la nuova funzione di Amazon.

Tutto quello che dovrete fare poi sarà semplicemente rispondere a un qualsiasi tweet che contiene un collegamento ad un prodotto di Amazon che vi interessa inserendo l’hashtag #AmazonCart. Automaticamente il prodotto sarà aggiunto al tuo carrello. La funzione per il momento è a disposizione solo per gli utenti degli Stati Uniti e del Regno Unito. E’ importnate notare che, utilizzando questa nuova funzione l’utente non acquista il prodotto direttamente, lo carica nel carrello così da poterlo ordinare più tardi. Effettuato lo spostamento l’utente riceverà una mail e un tweet risposta da Amazon con lo stato della richiesta comunicando se il prodotto è stato aggiunto correttamente oppure se è esaurito.

Ecco di seguito il video ufficiale #AmazonCart:

Fonte | thenextweb