usa e getta

Privacy.com: crea la tua carta di credito usa e getta

Privacy.com: crea la tua carta di credito usa e getta

Negli Stati Uniti, quasi il 70% dello shopping viene fatto online mediamente almeno volta al mese. Un’azione che per certi versi può essere considerata come di routine ormai vista la frequenza di utilizzo. Purtroppo insieme a questa abitudine va ad aggiungersi un problema molto importante: la sicurezza nel pagamento. La paura di pagare online con la propria carta di credito è molto diffusa, inserire il numero di carta di credito su un sito di e-commerce non viene accettato da tutti. Privacy.com, un interessante servizio negli Stati Uniti, nato proprio per questo scopo: ridurre i  timori dei consumatori nell’effettuare un acquisto online tramite carta di credito.

Utilizzando infatti la funzione Pay with Privacy verrà creata una carta di credito digitale monouso o usa e getta se preferite per effettuare solo e soltanto quel pagamento online. Grazie infatti ad un generatore casuale di numeri di carta di credito dal sito Privacy.com creerà la carta di credito poi, tramite un semplice plugin per il browser (Firefox o Chrome), oppure sul vostro iPhone sarà possibile effettuare il pagamento. Una volta utilizzata la carta di credito digitale si autodistruggerà evitando un possibile rischio di furto.

Iscriversi a Privacy.com è molto semplice, unavolta creato l’account basterà collegare la vostra banca al sito. Fatto questo sarà possibile utilizzare Privacy.com e creare un numero illimitato di carte di credito nel momento in cui dovremo fare un acquisto online. Oltre a questo il nuovo servizio permetterà di creare delle carte di credito dedicate in funzione del tipo di utilizzo, come ad esempio una scheda solo per l’abbonamento Netflix abbonamento, o per i vostri acquisti su Amazon. Oltre ad avere una carta di credito usa e getta Privacy.com ha voluto inserire anche l’autenticazione a due fattori, lo stesso sistema di sicurezza anti frode utilizzato da care di credito come Visa o Mastercard.

Privacy.com ha solo un piccolo difetto è attualmente disponibile solo negli Stati Uniti, non è possibile sapere quando e se arriverà in Europa e quindi in Italia. Sicuramente si tratta di un prodotto interessante che potrebbe davvero invogliare le persone contrarie al pagamento online ad effettuarne. Come detto però il servizio non è attivo in tutto il mondo e non potremo sfruttare la sua comodità.

 

Mini Power: le batterie usa e getta per il tuo iPhone

Mini Power: le batterie usa e getta per il tuo iPhone

Non importa quanto grandi sono le batterie di uno smartphone, gli utenti quasi sempre devono fare affidamento su una batteria esterna per poterli utilizzare, quindi non c’è da stupirsi se il mercato degli accessori è sempre molto attivo con tantissime alternative prealizzate da terze parti che promettono di prolungare la durata della batteria di iPhone, dispositivi Android e altri dispositivi. Tra le tante possibilità presenti sul mercato è interessante segnalare un idea pubblicata da FastCoDesign, che parla di un nuovo concetto di batteria esterna, che offre un approccio diverso e unico nel suo genere nel fornire autonomia extra al nostro smartphone.

Il designer Tsung ChihHsien nel realizzare Mini Power, questo il nome della batteria esterna, l’ha immaginata con un involucro in cartone e con una caratteristica unica: che sia usa e getta. Pensata poi in varie dimensioni Mini Power sarà in grado di fornire autonomia alla batteria per un certo periodo di tempo, ma soprattuto sarà riciclabile! Le batterie potranno essere acquistate in confezioni da più pezzi e la carica sarà attivata togliendo una piccola protezione che manterrà carica la batteria fino al suo utilizzo. Una volta esaurite le batterie potranno essere riciclate, portadole nel negozio in cui sono state acquistate.

Anche se la batteria Mini Power ha vinto il premio Red Dot Design, non è ancora chiaro se e quando sarà effettivamente messa sul mercato. Non resta che aspettare se questo progetto diventerà davvero realtà, sicuramente l’idea è interessante, perchè potrebbe risolvere il problema per tanti utenti che ogni giorno hanno problemi di autonomia con il loro smartphone.

Fonte | bgr